10:26 01 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
251
Seguici su

Dopo il rogo di Malmo, un'altra copia del Corano è stata bruciata in Svezia dai rappresentanti del partito Stram Kurs (Linea Dura), per protestare contro l'islamizzazione del Paese, questa volta nell'enclave etnica di Rinkeby a Stoccolma.

Alcuni militanti di estrema destra, legati al partito danese Stram Kurs, Linea Dura, hanno dato alle fiamme una copia del Corano, il libro sacro dell'Islam, all'interno di un quartiere islamico di Stoccolma, Rinkeby. E' la seconda volta che accade in meno di due settimane. Lo scorso 28 agosto alcuni militanti del partito hanno arso un Corano a Malmo, in vista di una manifestazione anti-islam. Il gesto ha causato l'espulsione dal Pese del leader del gruppo, l'avvocato Rasmus Paludan. 

In seguito Paludan ha invocato per fine settimana cinque manifestazioni "periferia islamizzata di Stoccolma", annunciando che avrebbe bruciato una copia del Corano "con pancetta" sabato, indipendentemente dalla concessione dell'autorizzazione a manifestare.

Gli attivisti del partito non hanno voluto attendere sino a sabato e hanno anticipato l'atto annunciato dal loro leader. Sulla sua pagina Facebook, Linea Dura ha definito l'Islam una religione “malvagia e primitiva” che “non ha posto in una società civile”. Secondo quanto riferito dal quotidiano Aftonbladet, l'azione si è svolta giovedì mattina, senza attirare molta attenzione, a differenza della precedente manifestazione che ha scatenato le rivolte della comunità islamica

"L'islamizzazione della Svezia costituisce una minaccia immediata, diretta e seria per la sicurezza e la felicità del popolo danese. Allo stesso modo per la sicurezza e la felicità del popolo svedese. Non lo accetteremo mai senza resistenza!" "Paludan ha detto su Facebook.

La polizia ha affermato che è in corso un'indagine per istigazione all'odio contro un gruppo etnico e, secondo Aftonbladet, è alla ricerca di una Skoda con targa danese. Finora non sono stati effettuati arresti.

Il partito Stram Kurs

Fondato nel 2017 dall'avvocato Rasmus Paludan, Linea Dura è un partito marginale danese che ha per poco mancato la soglia parlamentare nelle elezioni del 2019. Nasce per fermare l'immigrazione non occidentale, bandire l'Islam e deportare i musulmani dalla Danimarca. È noto per le sue iniziative islamofobe, durante le quali sono stati dati alle fiamme i libri sacri dei musulmani, spesso avvolti in carne di maiale, proibita nell'Islam perché impura. I video di queste roghi sono apparsi su internet, divulgati dalla loro pagina Facebook. Il leader Paludan afferma di essere più volte sopravvissuto a diversi tentativi di omicidio.  

Alla fine di agosto, Stram Kurs ha organizzato delle manifestazioni anti-islamiche nella città svedese di Malmö. Poco prima della manifestazione su internet è apparso un video nel quale due attivisti davano fuoco a copia del Corano, è stata bruciata nell'enclave etnica di Rosengård, mentre in un'altra piazza si è tenuta una partita di "calcio del Corano". 

Entrambi gli incidenti hanno scatenato violente rivolte tra la popolazione musulmana di Malmö, durante le quali sono rimasti feriti diversi agenti di polizia. Le autorità svedesi non sono riuscite a fermare la manifestazione e la città di Malmö ha successivamente negato qualsiasi sottofondo religioso alle rivolte.

In relazione agli eventi di Malmö, a Paludan è stato vietato l'ingresso in Svezia per due anni.

Tags:
Estrema destra, Islam, Svezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook