16:10 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
230
Seguici su

Papa Francesco costretto ad accettare le dimissioni del vescovo di Duluth negli USA dopo lo scandalo che lo ha travolto circa presunti abusi sessuali su minori. I fatti risalgono a quasi 40 anni fa.

Papa Francesco ha accettato le dimissioni da vescovo della diocesi di Duluth nel Minnesota (US), da parte del neo eletto vescovo padre Michel Mulloy.

Eletto appena il 19 giugno 2020, sono giunte nei suoi confronti accuse di molestie sessuali commesse agli inizi degli anni ‘80 dello scorso secolo.

La diocesi di Duluth ha comunicato la notizia ufficialmente lunedì 7 settembre con un comunicato stampa pubblicato dall’amministratore apostolico della diocesi di Duluth padre James B. Bissonette.

L’amministratore diocesano si dice addolorato per quanto accaduto e per la notizia provenuta dalla diocesi di Rapid City, dove mons. Mulloy era stato incardinato, dei presunti abusi sessuali su minore.

La diocesi di Duluth si stringe attorno al dolore di quanti sono stati colpiti dagli abusi, ma invita tutti a pregare per quanti sono coinvolti in questa brutta vicenda.

La diocesi di Duluth attende ora un nuovo vescovo si legge nel comunicato stampa.

Correlati:

Chieste informazioni su abuso dei minori a 400 chiese americane
Abusi nella Chiesa: “In Italia fino a 4 mila pedofili e 1 milione di vittime” (Parte 1)
Abusi sessuali nella Chiesa sono l’esisto di un decadimento morale
Tags:
abusi sessuali, Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook