22:32 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
2190
Seguici su

L'esplosione era avvenuta all'inizio del mese di luglio e recentemente l'Iran aveva annunciato che avrebbe risposto qualora fosse stata confermata la pista straniera.

I servizi di sicurezza della Repubblica islamica dell'Iraniana hanno reso noto di aver identificato i partecipanti al sabotaggio avvenuto all'inizio del mese di luglio nella centrale nucleare di Natanza.

A riferirlo è il portavoce dell'Organizzazione dell'energia atomica iraniana Behrouz Kamalvandi:

"Gli organi di sicurezza stanno analizzando scrupolosamente quello che è successo a Natanz, ed è stato un sabotaggio. A quanto ne sappiano, sono riusciti ad individuare i responsabili, a stabilire le cause i dettagli e i metodi utilizzati", ha spiegato Kamalvandi in un'intervista all'emittente locale IRIB TV1.

Il funzionario non ha tuttavia specificato se le persone individuate siano di nazionalità iraniana o se invece, come ventilato in precedenza, si possa trattare di stranieri.

Alla fine del mese di agosto l'Iran aveva fatto sapere che avrebbe risposto qualora fosse stata confermata la pista straniera del sabotaggio.

L'esplosione alla centrale di Natanz

All'inizio di luglio, una grave esplosione ha interessato la centrale nucleare iraniana di Natanz per l'arricchimento dell'uranio. Non sono state segnalate vittime o perdite di materiali radioattivi dalla struttura. La scorsa domenica, Behrouz Kamalvandi, il portavoce dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana, ha affermato che l'incendio all'impianto nucleare di Natanz è stato il risultato di un sabotaggio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook