23:23 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
231
Seguici su

Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias ha dichiarato che il Paese è pronto ad avviare colloqui di riconciliazione con la Turchia non appena le navi turche avranno lasciato quella che Atene considera la propria piattaforma continentale.

Venerdì, Dendias ha incontrato il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, durante il quale è stato affrontato il tema dell'escalation nel Mediterraneo orientale, per via delle tensioni tra Grecia e Turchia .

“Voglio ribadire quanto ha detto ieri il Ministero degli Affari Esteri nei suoi annunci: la Grecia non sta trattando con la Turchia. La Grecia ha affermato chiaramente che potranno essere avviati negoziati con la Turchia non appena le navi turche si ritireranno dalla piattaforma continentale greca. Ma non finché le navi turche resteranno lì”, ha detto Dendias ai giornalisti questo venerdì.

Il giorno precedente il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, aveva dichiarato che sia Grecia che Turchia concordano nel tenere colloqui tecnici all'interno dell'Alleanza Atlantica per ridurre il rischio di un'ulteriore escalation. Secondo l'agenzia di stampa statale greca AMNA, fonti diplomatiche ad Atene avrebbero smentito le affermazioni del segretario generale.

Le tensioni turco-greche si sono intensificate ad agosto dopo che la nave da ricerca turca Oruc Reis ha iniziato le perforazioni esplorative nelle acque rivendicate dai greci nel Mediterraneo orientale. La Grecia considera questo territorio la sua zona economica esclusiva, ha mobilitato le sue forze armate in stato di massima allerta e ha promesso di proteggere i suoi diritti sovrani con tutti i mezzi necessari.

Zona marittima contesa

Le autorità di Grecia e Cipro ritengono che i piani della Turchia di condurre esplorazioni sui giacimenti di petrolio e gas nel Mediterraneo orientale violino la loro sovranità. L'Unione Europea ha ripetutamente condannato le azioni di Ankara. Tuttavia, la Turchia afferma che non fermerà l'esplorazione e la perforazione al largo delle coste di Cipro.

La Turchia ha riavviato l'esplorazione sismica dopo che la Grecia ha firmato un accordo con l'Egitto sulla delimitazione delle zone di mare. Secondo il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, tale accordo è illegale e non valido.

Tags:
Turchia, Grecia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook