00:26 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
110
Seguici su

Per l'OMS bisognerà aspettare ancora diversi mesi prima che un vaccino sia diffuso in maniera capillare, sebbene un primo preparato potrebbe essere messo a disposizione delle categorie più a rischio già a novembre.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in una nota odierna ha ribadito che una vaccinazione diffusa contro il nuovo SARS-CoV-2 è da attendersi non prima della metà del 2021, sottolineando come siano importanti in questo senso dei controlli rigorosi sull'efficacia e la sicurezza dei vari preparati:

"Non ci aspettiamo di vedere una vaccinazione diffusa fino alla metà del prossimo anno. Questa fase 3 richiede più tempo perché dobbiamo vedere quanto il vaccino sia veramente protettivo e quanto sia sicuro", sono state le parole della portavoce OMS Margaret Harris nel corso di un briefing tenutosi a Ginevra.

La funzionaria ha quindi precisato che al momento attuale "sei dei nove candidati vaccini si trovano in una fase avanzata della sperimentazione, con alcuni di essi che sono nella fase 3 degli studi clinici".

Nella giornata di ieri la Commissione europea aveva reso noto che già a novembre potrebbe essere reso disponibile un vaccino per le categorie più a rischio, tra cui ad esempio il personale medico-sanitario.

La corsa al vaccino per il Covid

Sono molteplici i progetti di ricerca in tutto il mondo che puntano a rendere al più presto disponibile un vaccino efficace contro il nuovo coronavirus SARS-CoV-2.

Fino ad oggi l'unico preparato di questo genere ad essere stato registrato in tutto il mondo è stato lo "Sputnik V", sviluppato da specialisti del Centro Gamaleya con il sostegno del Fondo russo per gli investimenti diretti.

I test post-registrazione del vaccino russo Sputnik V hanno avuto inizio proprio questa settimana e ad essi prenderanno parte circa 40.000 volontari.

Per quanto riguarda l'Italia, lo scorso 31 agosto  al Policlinico di Verona è partita la sperimentazione del candidato vaccino italiano Grad-CoV2 al fine di verificare la risposta immunitaria al coronavirus.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook