22:56 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
1130
Seguici su

Secondo il Ministero degli Esteri russo, le dichiarazioni da parte di Berlino riguardo il caso Navalny sono senza prove.

In precedenza, gli specialisti del laboratorio della Bundeswehr (esercito tedesco) hanno affermato che il leader dell'opposizione russa, Alexey Navalny, era stato avvelenato con un agente nervino del gruppo "Novichok". La cancelliera Angela Merkel ha osservato di considerare Navalny come "una vittima di un crimine".

Mosca, a sua volta, ha notato che una lettera di medici russi con la richiesta di spiegare le conclusioni sull'intossicazione di Navalny rimane ancora senza risposta. Inoltre, i medici tedeschi non hanno chiesto aiuto specifico agli specialisti che hanno curato Navalny alla città russa di Omsk.

"Si ha l'impressione che qualcuno stia vietando al ministero della Giustizia tedesco e agli operatori sanitari di comunicare con i loro colleghi russi", si legge nella dichiarazione del ministero degli Esteri.

Il messaggio del ministero sottolinea anche che i principali destinatari delle dichiarazioni di Berlino su questo caso, per qualche motivo, sono l'Unione Europea e la NATO.

"Se il compito è quello di convalidare alcune "misure di risposta" pre-preparate, che sono già state annunciate in precedenza, allora diventa chiaro perché viene utilizzata <...> la sostituzione della normale cooperazione con una campagna di informazione, <...> la menzione dell'OPCW", hanno aggiunto i dipomatici.

Anche il rappresentante ufficiale del dipartimento, Maria Zakharova, ha criticato la posizione della Germania in onda sul canale televisivo Rossiya 1.

"Penso che stiamo tornando a quei tempi in cui vorrei lasciare, a dire il vero, i tempi delle dichiarazioni infondate, della mancanza di fatti quando si discute di questioni serie. Vorrei che questi tempi non arrivassero più, ma ho una sorta di stabile sensazione di déjà vu", ha concluso.

In precedenza il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha affermato che la Russia è pronta ad una cooperazione a 360 gradi con la Germania per chiarire la situazione relativa al leader dell'opposizione extraparlamentare russa Alexey Navalny, tuttavia il Cremlino rileva che Berlino non ha fornito risposte alle richieste ufficiali precedentemente inviate.

Il portavoce del governo tedesco ha sostenuto oggi che i test effettuati nei laboratori del Bundeswehr (esercito tedesco) dimostrano che Navalny "è stato avvelenato" da un agente nervino del gruppo "Novichok". A sua volta la cancelliera Angela Merkel ha parlato di "tentato omicidio" dell'oppositore russo con "agente nervino" ed ha chiesto spiegazioni al governo russo, così come ha preannunciato consultazioni con i partner della Ue e della Nato per concordare una reazione comune.

Tags:
Alexey Navalny, Il Ministero degli Esteri della Russia, Germania, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook