23:15 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 50
Seguici su

5 baby gorilla nati in 6 settimane al Bwindi Impenetrable National Park in Uganda. Un record che le autorità ugandesi non si sanno spiegare, ma che forse si deve al lockdown.

Al Bwindi Impenetrable National Park in Uganda sono nati 5 baby gorilla in sei settimane e così l’Uganda Wildlife Authority (UWA) lo ha considerato un vero boom di nascite mai avvenuto prima.

I 5 neonati appartengono ad una specie rara, il Rushegura o Gorilla di montagna, di cui ne esistono appena 1.000 esemplari in vita.

In totale sono nati 7 piccoli di gorilla da gennaio, contro i soli tre dell’intero anno 2019 scrive l’UWA nel suo comunicato.

Secondo quanto riportato dalla BBC Africa, l’UWA non si sa spiegare come mai quest’anno ci sia stato un boom che non ha precedenti per la nascita dei gorilla nel parco Bwindi.

Inoltre i 5 baby provengono da 5 famiglie di gorilla differenti e non dalla stessa.

Va aggiunto che per l’Uganda i safari dei turisti stranieri sono una delle fonti di guadagno primarie e la pandemia ha ridotto drasticamente le visite dei turisti agli animali.

Che i gorilla, meno infastiditi del solito dalla presenza umana, abbiano trovato il tempo di stare di più e meglio in intimità con le rispettive compagne, senza lo stress di essere disturbati?

Una delle mamme più giovani si chiama Ruterana, ha 18 anni ed è nata nel parco Bwindi l’1 gennaio del 2002.

Protetti da covid-19

I gorilla e i loro baby vengono anche protetti ora dalla malattia covid-19, onde evitare che possano essere infettati.

Correlati:

Come un parassita mortale è “saltato” dai gorilla agli umani
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook