00:22 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (92)
4185
Seguici su

Il candidato alla presidenza democratica degli Stati Uniti Joe Biden è una figura fantoccio che, se eletto a novembre, darà il via a una "rivoluzione" negli Stati Uniti, ha detto lunedì il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, in un'intervista a Fox News.

"Biden non calmerà le cose", ha detto Trump. "Prenderanno il sopravvento. Vinceranno. Se Biden entra, loro vinceranno. È una persona debole. È controllato come un burattino. Quindi la situazione non si calmerà ... si impadroniranno delle vostre città. Sarà una rivoluzione. Lo capisci. Sarà una rivoluzione e la gente di questo paese non lo sopporterà".

Secondo Trump, i finanziamenti per la "rivoluzione" proverrebbero da "persone ricche molto stupide che non hanno idea che se la loro cosa dovesse mai avere successo, il che non accadrà, verrebbero gettati in pasto ai lupi come mai prima".

Lunedì, Biden aveva accusato Trump di dividere ulteriormente la nazione dominata dalle proteste piuttosto che unificarla e che le sue parole e i suoi messaggi stavano seminando il caos piuttosto che la legge e l'ordine.

Le osservazioni di Biden sono arrivate dopo che Trump e numerosi repubblicani avevano ripetutamente criticato lui e i democratici per non aver denunciato la campagna di violenza di tre mesi da parte dei movimenti Antifa e Black Lives Matter negli Stati e nelle città gestite dai democratici. I repubblicani sostengono che i democratici in quelle giurisdizioni stiano cercando di ottenere punti politici in un anno elettorale consentendo le proteste violente e le rivolte e rifiutando l'assistenza federale che Trump ha offerto per sedare i disordini.

L’inizio delle proteste

Le proteste contro la brutalità della polizia e il razzismo sono iniziate in numerose città degli Stati Uniti dopo la morte dell'afroamericano George Floyd durante l’arresto dalla polizia a Minneapolis il 25 maggio.

Il mese scorso, una nuova ondata di proteste è iniziata nel Wisconsin e altrove negli Stati Uniti dopo che la polizia ha sparato sette volte alla schiena a Jacob Blake, un afroamericano di 29 anni. L'incidente, avvenuto il 23 agosto, ha lasciato Blake paralizzato. Le proteste si sono trasformate in vere e proprie rivolte violente contro polizia e civili, vi sono stati anche incendi dolosi ed episodi di devastazione diffusa.

Tema:
La morte di George Floyd (92)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook