20:45 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
121320
Seguici su

La polizia non ha più il controllo delle proteste della comunità musulmana, insorta dopo che alcuni militanti di estrema destra hanno pubblicato sul web un video in cui danno fuoco al Corano. Arrestato e espulso il leader del partito Linea Dura.

Il video di un uomo che dà fuoco al Corano in mezzo ad una pista ciclabile ha fatto infuriare la popolazione islamica presente  di Malmo, Svezia, che è scesa in strada per protesta nello stesso giorno in cui si sarebbe dovuta tenere una manifestazione anti-corano nella città. Le dimostrazioni si sono ben presto trasformate in una vera e propria rivolta, con roghi e atti di vandalismo. 

Nel video si vede il danese Rasmus Paludan, leader del partito politico di estrema destra Stram Kurs, mentre dà alle fiamme il libro sacro agli islamici e invita il pubblico a fare altrettanto.

​Dinnanzi alle sassaiole, ad auto e copertoni dati alle fiamme dai riottosi, la polizia ha dichiarato che la situazione a Malmo è del tutto fuori controllo. 

"Al momento abbiamo disordini violenti e in corso su cui non abbiamo alcun controllo", ha detto ai giornalisti il ​​portavoce della polizia Rickard Lundqvist. 

I video da Malmo mostrano la folla che canta "Allahu Akbar", mentre gli ufficiali cercano di contenere i disordini.

​All'inizio della giornata, Rasmus Paludan, che di professione fa l'avvocato, è stato arrestato vicino a Malmo ed espulso dal paese dalle autorità svedesi, mentre si recava ad una manifestazione anti-islamica nella città che si sarebbe dovuta tenere venerdì, il giorno di preghiera per i musulmani.

Secondo la polizia, Paludan avrebbe pianificato di eseguire un altro rogo del libro durante un evento di massa. "Stava per infrangere la legge", ha detto la polizia, osservando che il suo comportamento rappresentava un pericolo per la società.

 

Tags:
Corano, Proteste, Svezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook