13:35 24 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
260
Seguici su

Dopo aver inviato la Guardia Nazionale a Kenosha, il presidente degli Usa pensa a una analoga soluzione per Portland, dove le proteste durano da cento giorni.

I disordini di Portland continuano a provocare scintille tra il presidente Usa, Donald Trump, e il primo cittadino della principale città dell'Oregon. Trump, in un tweet, accusa Ted Wheeler, di non essere capace di mantenere l'ordine e tutelare i cittadini innocenti, in balia di anarchici e rivoltosi. 

"Se l'incompetente sindaco di Portland, Ted Wheeler, non prende il controllo della sua città e ferma gli anarchici, gli agitatori, i rivoltosi ei saccheggiatori, causando un grande pericolo a persone innocenti, entreremo e ci occuperemo delle cose come dovrebbero stato curato 100 giorni fa!", scrive il POTUS. 

​Le autorità locali di Portland hanno ricevuto le critiche dall'amministrazione Trump per la gestione dei disordini dovuti all'ondata di proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia, di cui la città è diventata il simbolo. Il sindaco Wheeler è stato accusato dal procuratore generale degli Stati Uniti, William Barr, di incoraggiare "la violenza attraverso l'azione e l'inazione", e Trump ha ripetutamente criticato Wheeler per la gestione dei disordini, chiedendo più volte di far entrare la guardia nazionale. 

Ma Wheeler risponde con un secco "No grazie" alla richiesta del presidente di far entrare i federali nella sua città. 

"Ancora una volta, hai detto che ti sei offerto di aiutare Portland inviando forze dell'ordine federali nella nostra città. A nome della città di Portland: No grazie ”, ha scritto Wheeler in una lettera di fuoco inviata al presidente Trump questo venerdì 28 agosto. 

“Non abbiamo bisogno della tua politica di divisione e demagogia. I cittadini di Portland ti stanno addosso. Abbiamo già visto il tuo sconsiderata disprezzo per la vita umana nella tua maldestra risposta alla pandemia COVID. E sappiamo che sei giunto alla conclusione che le immagini di violenza o vandalismo sono il tuo unico biglietto per la rielezione", ha aggiunto.

Trump ha recentemente chiesto a Portland di seguire un esempio di Kenosha, Wisconsin, in cui sono state dispiegate gli uomini della Guardia Nazionale e gli agenti federali, sostenendo che, da quel momento, la città non ha visto "ulteriori violenze, nemmeno un piccolo problema".

Il tweet di Michelle Obama

L'ex first Lady, ha commentato su Twitter le proteste e gli atti di violenza avvenuti negli ultimi giorni, riferendosi alla strage di Kenosha, Winsconsin, dove un ragazzino di 17 anni di ideologia suprematista si è presentato armato di un fucile d'assalto ad una manifestazione di protesta per l'aggressione a Jacob Blake, l'ultima vittima della brutalità della polizia, e ha cominciato a sparare sulla folla, uccidendo due persone e ferendone altre due. 

Michelle Obama si è detta "devastata" per le sparatorie a Kenosha. "Non riesco a smettere di pensare a ciò che i nostri figli vedono ogni giorno e ai nostri obblighi nei loro confronti per il futuro", ha commentato.

Proteste contro il razzismo nelle città degli Stati Uniti

Gli Stati Uniti hanno assistito a un'ondata di proteste contro il razzismo e la brutalità della polizia a partire dalla fine di maggio, quando un uomo di colore, George Floyd, è stato ucciso dalla polizia bianca mentre era in custodia a Minneapolis. Da quel momento, tutte le città di tutti gli Stati Uniti hanno assistito a un'ondata di manifestazioni di massa, alcune delle quali sono diventate violente e sfociate in incendi dolosi, saccheggi e scontri con la polizia pesantemente militarizzata.

Portland è stata scossa da proteste contro il razzismo per diversi mesi, con manifestanti che hanno attaccato il tribunale federale della città e la polizia. Le manifestazioni di Portland si sono trasformate in rivolte quando i partecipanti si sono scontrati con agenti federali schierati dall'amministrazione Trump in città, tentando di lanciare esplosivi contro il tribunale federale o praticando saccheggi.

La città di Kenosha, nel Wisconsin, è diventata l'ultimo centro di protesta dopo che è emerso un video che mostrava un poliziotto bianco che sparava sette volte alle spalle a un uomo di colore, Jacob Blake. Sebbene sia sopravvissuto alla sparatoria, Blake è rimasto paralizzato dalla vita in giù. 

L'incidente con la sparatoria ha innescato un'ondata di manifestazioni che durano diversi giorni. Martedì scorso, le proteste si sono rivelate mortali dopo che alcune persone sono state colpite, due fatalmente, da un 17enne con un fucile d'assalto in stile AR-15. Più tardi, l'adolescente Kyle Rittenhouse, simpatizzante di un'associazione pro-polizia, è stato arrestato e accusato di omicidio di primo grado.

 

 

Tags:
Donald Trump, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook