12:06 19 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
121
Seguici su

Una fabbrica chimica in Lousiana è andata a fuoco a causa di una perdita di cloro, dopo essere stata colpita dalla tempesta Laura. Le autorità dello stato invitano i residenti a stare a casa.

Un incendio è scoppiato nello stabilimento della società chimica BioLab Inc. a Westlake, in Louisiana, colpita dall'uragano Laura che imperversa negli Stati Uniti. La tempesta avrebbe causato una perdita di cloro da cui poi è diramato l'incendio. 

Un gigantesco pennacchio di fumo si è levato dalla fabbrica il 27 agosto, visibile a chilometri di distanza. che si alzava dalla fabbrica era visibile il 27 agosto a chilometri di distanza.

​La polizia ritiene che sia stato il cloro a causare l'incendio, che l'azienda produce sia per uso domestico che per la pulizia delle piscine. Il fumo prodotto dalla combustione di prodotti chimici ha reso l'aria irrespirabile, pertanto le autorità hanno raccomandato i residenti di tenere porte e finestre ben chiuse. 

​L'uragano Laura

L'uragano che ha colpito gli Stati Uniti, è diretto ora verso l'Arkansas ed è stato declassato a tempesta tropicale. Si contano i primi morti causati dall'uragano Laura, con almeno 6 persone che hanno perso la vita in Louisiana. Come riferisce il portale della ABC, tra le vittime c'è anche una ragazza di appena 14 anni, deceduta insieme ad altre 3 persone a causa degli alberi caduti.

La perturbazione, che ieri ha lasciato complessivamente 500.000 persone senza corrente tra Louisiana e Texas, si è ora spostata verso l'Arkansas.

Tags:
Uragano, Incidente, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook