03:04 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 91
Seguici su

Tra gli esempi più virtuosi, in questo senso, c'è la Cina, che sta portando avanti la registrazione del suo primo vaccino contro il Covid-19.

Kirill Dmitriev, ad del Fondo Russo per gli Investimenti Diretti, ha riferito che sono sempre di più i paesi che, seguendo l'esempio della Russia, hanno iniziato a registrare vaccini contro il nuovo coronavirus SARS-CoV2. In questo senso Dmitriev ha riportato come esempio quello del vaccino della Sinovac, azienda farmaceutica cinese:

"La registrazione del vaccino della Sinovac in Cina con una procedura accelerata per le emergenze dimostra che molti paesi stanno seguendo l'approccio della Russia su questa questione", ha spiegato Dmitriev.

Il CEO si è quindi soffermato sull'approccio adottato in Cina riguardo la priorità di vaccinazione dei gruppi maggiormente a rischio, facendo notare che anche in questo ambito la Cina ha deciso di utilizzare il modello russo:

"La Cina sta proteggendo i propri dottori e insegnanti seguendo il modello russo e fornendo il vaccino ai gruppi a più alto rischio. Al momento oltre 10 paesi partner del Fondo russo per gli investimenti diretti stanno studiando l'esperienza russa per accelerare la registrazione di preparati e vaccini a utilizzare contro il coronavirus di comprovata sicurezza, basati su soluzioni certe, come l'adenovirus umano utilizzato nel vaccino russo Sputnik V", ha concluso il dirigente.

I vaccini russi contro il Covid-19

In Russia lo scorso 11 agosto è già stato registrato il primo vaccino efficaco contro il nuovo coronavirus di origine cinese SARS-CoV2.

Lo Sputnik-V, sviluppato dall'Istituto di Ricerca Gamaleya, denominato Sputnik V, si trova ora nella terza fase ed ultima fase di test clinici e ha avuto inizio dopo che lo scorso martedì l'Istituto "Gamaley" ha ricevuto l'autorizzazione ad avviare le sperimentazioni. Tali test vedono coinvolti 40mila volontari appartenenti alle fasce della popolazione a più alto rischio contagio.

Nella giornata di ieri, inoltre, il presidente russo ha annunciato che a settembre il prestigioso Istituto Vector di Novosibirsk porterà a termine lo sviluppo di un secondo vaccino.

Contestualmente il Ministero della Salute di Mosca ha reso noto che nel paese è in corso la registrazione di altri tre vaccini.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook