00:41 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1173
Seguici su

Continuano le tensioni tra Ankara e Atene per i diritti di sfruttamento delle risorse di gas e petrolio nel Mediterraneo Orientale.

Sull'onda lunga delle crescenti tensioni con la Turchia, il ministro degli Estri greco Nikos Dendias ha invocato sanzioni da parte dell'Unione europea nei confronti di Ankara:

"Sto aspettando con grande interesse l'annuncio di Josep Borrell sulle possibilità di sanzioni nei confronti della Turchia. Le consideriamo un assoluta necessità al fine di raggiungere una de-escalation nel Mediterraneo", ha riferito il funzionario greco.

La scorsa settimana le forze aeree e navali turche hanno condotto esercitazioni congiunte nel Mar Egeo, con gli aerei da combattimento F-16 che hanno preso parte alle esercitazioni insieme alle navi da guerra per "migliorare, mantenere e migliorare la capacità operativa delle operazioni interforze congiunte".

Da tempo i governi di Turchia e Grecia sono giunti ai ferri corti per la questione dei diritti di esplorazione e sfruttamento di gas e petrolio nel Mar Mediterraneo orientale.

In precedenza il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva annunciato la scoperta di grandi giacimenti di gas nel Mar Nero, riferendo che tale avvenimento sarebbe stato solo l'inizio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook