22:49 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

Intanto il vaccino Sputnik V, da martedì, è entrato nell'ultima fase di test clinici e sperimentali.

Non solo quelli sviluppati dall'Istituto Vector e dal Centro "Gamaley", ci sarebbero infatti altri tre vaccini di produzione russa in corso di registrazione.

A rivelarlo quest'oggi ai giornalisti è stato il titolare del Ministero della Salute russa Mikhail Murashko:

"Al momento, stiamo registrando altri tre vaccini", sono state le sue parole.

Murashko ha quindi precisato che si tratta sia di preparati sviluppati interamente in Russia che all'estero, ma che saranno ad ogni modo prodotti sul territorio della Federazione Russa.

Quest'oggi il presidente Vladimir Putin, nel corso di un intervista all'emittente Rossiya 24, ha annunciato che nel mese di settembre terminerà lo sviluppo di un secondo vaccino russo anti-Covid, quello dell'Istituto Vector di Novosibirsk.

Il capo di stato russo ha auspicato che il nuovo preparato possa rivelarsi altrettanto efficace quanto il primo, registrato in Russia lo scorso 11 di agosto.

I test clinici sul vaccino Sputnik V

Il primo vaccino russo Sputnik V si trova nella terza ed ultima fase di test clinici, come previsto dai protocolli sanitari dell'OMS. L'ultima fase di test clinici ha avuto inizio dopo che lo scorso martedì l'Istituto "Gamaley" ha ricevuto l'autorizzazione ad avviare le sperimentazioni e vede coinvolti 40mila volontari appartenenti alle fasce della popolazione a più alto rischio contagio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook