01:52 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1111
Seguici su

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che sua figlia ora sta bene dopo aver sperimentato il vaccino contro il coronavirus.

"È assolutamente chiaro oggi per i nostri specialisti che questo vaccino crea un'immunità stabile, compaiono gli anticorpi, così come a mia figlia, ed è innocuo. Grazie a Dio, mia figlia sta bene", ha detto Putin in un'intervista al canale televisivo Rossiya 1.

Il presidente russo ha aggiunto che il giorno dopo la somministrazione del vaccino sua figlia aveva la febbre a 38,4 e due giorni dopo a "37 e qualcosa".

"E dopo la seconda vaccinazione, 21 giorni dopo, c'è stato anche un leggero aumento della febbre, ma è tutto a posto", ha detto.

Vladimir Putin ha affermato che sua figlia, che era stata vaccinata contro il coronavirus, non si è consultata con lui sul test del vaccino: la decisione di prestarsi al test come volontaria è stata sua.

"E' una persona matura, ha detto che ha preso lei tale decisione", ha detto Putin, rispondendo alla domanda se sua figlia abbia chiesto dei consigli prima della vaccinazione.

 

Vaccino russo anti-COVID

In precedenza il ministero della Salute ha registrato il primo vaccino al mondo per la prevenzione del COVID-19 "Sputnik V". È stato sviluppato da specialisti del Centro "Gamaley" con il sostegno del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF). Gli esperti hanno sottolineato che durante gli studi clinici, tutti i volontari hanno sviluppato livelli di anticorpi elevati, nessuno ha avuto gravi complicazioni.

Il capo dell'RDIF, Kirill Dmitriev, ha riferito che il fondo ha ricevuto richieste da più di 20 Paesi per l'acquisto di un miliardo di dosi del vaccino. Allo stesso tempo, ha osservato che la Russia ha acconsentito alla produzione di vaccini in cinque di essi. Secondo lui, le attuali capacità disponibili consentono di produrre 500 milioni di dosi all'anno.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook