23:47 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
140
Seguici su

La maggioranza dei membri del Consiglio di Sicurezza ritiene che gli Usa non abbiano il diritto di riattivare il meccanismo di ripristino delle sanzioni.

Tra i Paesi che si sono opposti all'iniziativa statunitense, durante la sessione del consiglio ci sono Francia, Gran Bretagna, Germania, Cina, Russia e Sudafrica. Per la rappresentante permanente della Francia, Anne Gueguen, nello specifico, gli Usa non possono riattivare il meccanismo di ripristino delle sanzioni, poiché non fanno più parte del Piano di Azione Congiunto Globale (PACG), il patto nucleare con l'Iran. 

"Prendiamo atto dell'opinione di 13 dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu al riguardo e siamo fermamente convinti che il Consiglio di Sicurezza non possa compiere ulteriori passi (per soddisfare la richiesta degli Stati Uniti)", ha detto la diplomatica.

Francia, Gran Bretagna e Germania, riferisce la Guegen, ritengono che i problemi causati "dal sistematico mancato adempimento degli impegni iraniani del PACG" vadano risolti attraverso il dialogo fra i Paesi rimasti all'interno dell'accordo per il nucleare. 

Quello che più preoccupa la Francia sono le conseguenze per la sicurezza regionale dopo il 18 ottobre, giorno della scadenza dell'embargo sulle armi all'Iran.

La reazione degli Usa 

Gli Usa non temono di essere messi in minoranza all'interno del Consiglio di Sicurezza, ha messo in chiaro la rappresentante permanente di Washington all'Onu, Kelly Kraft.

"Mi rammarico solo che altri membri del Consiglio si siano disorientati finendo in compagnia dei terroristi", ha detto Craft, giurando che gli Usa guideranno il processo per mostrare l'Iran "per quello che davvero è".

Nel frattempo, l'ambasciatore della Russia alle Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha espresso la speranza che Washington comprenda che "preservare il PACG è importante per l'intera comunità internazionale, inclusi gli Stati Uniti" e che rinunci al suo piano "che non è solo illegittimo ma anche non darà agli Stati Uniti il ​​risultato che si aspetta ".

Gli Usa ritengono di essere ancora in diritto di intervenire sull'accordo nucleare poiché l'accordo originale con l'Iran li elencava come partecipanti, e per il ripristino delle sanzioni è necessario un solo firmatario dell'accordo. La Craft, in una lettera al Consiglio di sicurezza, annuncia che Washington ha avviato la procedura di ripristino, per l'estensione delle sanzioni delle Nazioni Unite contro l'Iran a causa degli inadempimenti con il PACG.

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto di aver avviato un processo di attivazione delle sanzioni entro 30 giorni contro l'Iran, da presentare al centro dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, la conferenza annuale dei capi di stato dei Paesi membri delle Nazioni Unite.

Il procedimento di ripristino delle sanzioni

La procedura di ripristino è delineata nella risoluzione 2231 delle Nazioni Unite, con cui è stato approvato l'accordo nucleare del 2015 con l'Iran, e stabilisce che se uno dei firmatari scopre che un altro viola in modo significativo gli impegni previsti dall'accordo, il Consiglio di sicurezza dovrà effettuare una votazione per decidere se proseguire con la sospensione delle sanzioni economiche contro Teheran.

Nel luglio 2015, l'Iran e sei mediatori internazionali - Russia, Stati Uniti, Gran Bretagna, Cina, Francia e Germania - hanno firmato il PAGC, che ha imposto una serie di limitazioni al programma nucleare iraniano con l'obiettivo di escludere un suo possibile impiego militare.

Tuttavia, nel maggio 2018, Washington ha infranto il patto e attivato una serie di sanzioni contro l'Iran, accusando Teheran di continuare con lo sviluppo di armi nuclearei. Un anno dopo il ritiro degli Usa dall'accordo, l'Iran ha iniziato a ridurre gradualmente l'adempimento dei suoi impegni nucleari, a causa della mancanza di progressi da parte del resto dei paesi firmatari per contrastare le restrizioni statunitensi.

Tags:
Consiglio di Sicurezza ONU, Sanzioni, Gran Bretagna, Francia, USA, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook