21:43 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
16200
Seguici su

In precedenza l'Alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri Josep Borrell ha affermato che l'Unione europea chiede un'indagine russa indipendente sulle condizioni di Navalny.

La diagnosi delle condizioni del personaggio dell'opposizione russa Navalny da parte della clinica tedesca Charite non indica definitivamente che sia stato avvelenato, ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

Ha anche commentato le voci sulla complicità del Cremlino nel presunto avvelenamento di Navalny:

"Non possiamo trattare seriamente le accuse che sono state menzionate. Queste accuse non hanno assolutamente nulla a che fare con la verità", ha detto Peskov ai giornalisti.

Il portavoce ha aggiunto che il Cremlino non capisce perché i medici tedeschi siano giunti così rapidamente alle loro conclusioni.

"Non capiamo perché i nostri colleghi tedeschi abbiano tanta fretta di usare la parola "avvelenamento" e così via. Questa versione è stata tra le prime a essere presa in considerazione dai nostri medici, ma, ripeto, la sostanza esatta non è stata determinata", ha detto Peskov.

Le dichiarazioni dei medici di Berlino

I medici della clinica Charite di Berlino hanno dichiarato lunedì che Navalny ha subito un'intossicazione da inibitori della colinesterasi, ma i test per determinare l'esatta sostanza utilizzata sono ancora in corso.

Peskov ha notato che le analisi dei medici russi e tedeschi erano simili, ma hanno tratto conclusioni diverse. I medici russi hanno rilevato una bassa colinesterasi nelle prime ore dopo il ricovero in ospedale di Navalny e hanno immediatamente iniziato a usare l'atropina, che ora viene somministrata anche dai medici a Berlino.

"Se i medici tedeschi hanno motivo di utilizzare questa versione come principale, probabilmente verranno presentate alcune informazioni per comprovarla", ha detto Peskov.

L'indagine ci sarà solo se l'avvelenamento sarà confermato

Il Cremlino non vede alcun motivo per avviare un'indagine sul presunto avvelenamento di Navalny, ha detto il portavoce, aggiungendo che un'indagine potrebbe essere lanciata solo se l'avvelenamento sarà confermato.

"La sostanza deve essere prima trovata, per capire cosa ha causato questa condizione. Ci devono essere motivi per le indagini. Per ora, vediamo un paziente in coma", ha detto Peskov.

La cosa più importante in questo momento è aiutare Navalny a guarire, ha aggiunto.

L'incidente

Giovedì scorso, Navalny ha avuto un malore durante un volo verso Mosca. A seguito di un atterraggio di emergenza nella città siberiana di Omsk, è stato ricoverato in ospedale con sospetto avvelenamento come una delle possibili ragioni alla base delle sue condizioni. Successivamente i medici russi non hanno trovato tracce di veleno nei suoi campioni e hanno ritenuto che il deterioramento fosse causato da un improvviso calo di glucosio nel sangue di Navalny a causa di uno squilibrio metabolico.

Sabato, Navalny è stato trasportato in aereo a Berlino per ulteriori cure. Secondo una dichiarazione di Aleksandr Murakhovsky, il medico capo dell'ospedale di Omsk, i medici tedeschi hanno detto in una lettera che le condizioni di Navalny sono rimaste gravi e hanno ringraziato i colleghi russi per avergli salvato la sua vita.

Chi è Alexey Navalny

Alexey Navalny, 44 anni, fondatore del Fondo Anti Corruzione, (FBK) è stato fermato diverse volte dalle forze dell'ordine ed ha scontato una pena detentiva nel luglio 2013 per appropriazione indebita.

Nel dicembre 2016 lo stesso Navalny ha annunciato la propria intenzione di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2018 ma la sua candidatura non è stata accettata dalla Commissione Elettorale Centrale, a causa delle sue pendenze penali precedenti.

Correlati:

L'UE chiede un'indagine russa indipendente sulle condizioni di Navalny
Angela Merkel esorta la Russia a indagare e risolvere il caso Navalny in "tutti i dettagli"
Per medici russi Navalny non presentava tracce di avvelenamento da inibitori della colinesterasi
Tags:
Cremlino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook