14:14 27 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
538
Seguici su

Alexey Navalny ha avuto un malore durante un volo da Tomsk a Mosca obbligando l'aereo a un atterraggio di emergenza. Successivamente è entrato in coma ed è stato trasferito con un volo medico dalla città siberiana di Omsk a Berlino, dove è tuttora ricoverato.

"Abbiamo a che fare con un paziente che è abbastanza probabile sia stato avvelenato", ha detto in conferenza stampa il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert. La Germania anche afferma che è necessaria la protezione dell'oppositore del Cremlino Navalny.

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas lunedì ha dichiarato che la "Germania ha bisogno di più informazioni sul caso del politico dell'opposizione russa Alexei Navalny prima che possa dire se è stato avvelenato come affermano i suoi sostenitori", riporta Reuters.

La vicenda di Alexey Navalny

Giovedì mattina, l'aereo con cui Alexey Navalny ha volato da Tomsk a Mosca è atterrato urgentemente a Omsk.

Il blogger si è sentito male durante il volo e dopo l'atterraggio è stato posto in terapia intensiva. Le condizioni del paziente erano state valutate come gravi, è in coma.

I rappresentanti di Navalny hanno suggerito che sia stato avvelenato da sostanze tossiche.

Secondo S7 Airlines, non ha mangiato né bevuto nulla a bordo. Prima del volo, il blogger ha bevuto un tè al bar dell'aeroporto.

I medici di Omsk per ora considerano un disturbo metabolico la principale diagnosi, che ha causato un forte calo della glicemia.

Dopo una consultazione di medici russi e tedeschi e la stabilizzazione delle condizioni di Navalny, i suoi familiari hanno autorizzato a trasportarlo in una clinica in Germania, dove tuttora è ricoverato.

Correlati:

Medici di Omsk affermano di non aver trovato tracce di veleno nell'organismo di Alexey Navalny
La situazione fuori dall'ospedale di Berlino dove viene curato Alexey Navalny - Video
Alexey Navalny arriva all'ospedale Charite di Berlino - Video
Tags:
Alexey Navalny
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook