17:02 30 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
191
Seguici su

Gli Stati Uniti hanno proposto condizioni irrealistiche per preservare il nuovo trattato di riduzione delle armi strategiche (New START), ha detto domenica il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un forum dei giovani nella regione di Mosca, definendo estenuanti i colloqui a riguardo con la controparte americana.

"Ora stanno conducendo negoziati così estenuanti con noi per mantenere in vigore il trattato New START. Abbiamo proposto di prorogarlo di cinque anni, come previsto dal documento, senza alcuna precondizione. Gli Stati Uniti, nelle trattative condotte dal mio vice Sergey Ryabkov la scorsa settimana a Vienna con l'inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti, Billingslea, insistono su condizioni che, ad essere onesti, sono semplicemente irrealistiche, inclusa la richiesta che la Cina si unisca definitivamente a questo accordo o a qualcun'altro in futuro", ha detto Lavrov.

Secondo il diplomatico, il risultato dei colloqui sul mantenimento del trattato non è ancora chiaro, ma la Russia, in ogni caso, non soddisferà le esigenze di Washington, comprese quelle relative alla partecipazione della Cina al trattato.

"Se gli Stati Uniti stabiliscono delle condizioni preliminari, che non possono essere semplicemente attuate - ad esempio, quella di persuadere la Cina, cosa che non faremo visto che rispettiamo la loro posizione - allora lasciamo scadere questo trattato", ha sottolineato il ministro, aggiungendo che questo significherà la perdita dell'ultimo strumento che regola la situazione in materia di armi nucleari.

Il ministro ha aggiunto che Washington commetterebbe un grave errore se non si sforzasse di preservare il trattato.

"Siamo sicuri di essere in grado di proteggerci, quindi non dovrebbe esserci alcuna preoccupazione al riguardo, e saremo pronti a riprendere i colloqui sin dall'inizio, ma sarebbe un errore molto grave se i nostri omologhi statunitensi decidessero di distruggere l'ultimo documento [nel campo delle armi nucleari] ", ha detto il diplomatico.

Lavrov ha anche affermato che, sebbene la situazione nella sfera della stabilità strategica non ispirasse ottimismo, la Russia era pronta a continuare il dialogo con gli Stati Uniti, anche sui nuovi sistemi di armamenti, su base reciproca.

Dopo i colloqui di Vienna all'inizio di agosto, il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov ha affermato che le priorità dei due paesi sono "molto diverse" al momento. Secondo il diplomatico, gli Stati Uniti non hanno escluso di estendere il New START, ma hanno rifiutato di registrare questa intenzione. Per quanto riguarda la Russia, non è pronta ad estendere il trattato ad ogni costo, ha osservato Ryabkov.

Tags:
USA, Russia, Sergej Lavrov
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook