11:09 19 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Le proteste in Bielorussia dopo le elezioni presidenziali (96)
5016
Seguici su

L'ex candidata alla presidenza ha nuovamente ricordato gli obiettivi da perseguire: porre fine alla violenza, liberare i prigionieri politici e tenere nuove elezioni.

L'ex candidata alla presidenza della Bielorussia Svetlana Tikhanovskaya, in un video messaggio pubblicato oggi, venerdì 21 agosto, ha invitato i dipendenti delle imprese bielorusse a continuare gli scioperi.

"Miei cari bielorussi, lavoratori di Belaruskali, MTZ, Grodno Azot e altre imprese. Siete il simbolo di una Bielorussia nuova e libera. Siamo una nazione pacifica e laboriosa, siamo una forza che può e sta già cambiando il futuro del nostro paese", ha detto la Tikhanovskaya.

Ancora una volta ha invitato i suoi sostenitori a unirsi, ringraziando i manifestanti per l'incredibile unità e fermezza d'acciaio mostrata, “per questo grazie mille".

"Gli scioperi sono un'arma assolutamente legale e potente (...). Ricorda: non sei solo, l'intera Bielorussia è con te. Milioni sono già stati donati per sostenere i fondi per aiutarti a resistere alle pressioni e non crollare sotto le minacce. Il futuro della Bielorussia, e quindi il futuro dei nostri figli, ora dipende dalla vostra unità e dalla vostra determinazione. Pertanto, vi chiedo: continuate a espandere gli scioperi, non fatevi ingannare dalla confusione, unitevi", ha esortato Svetlana Tikhanovskaya.

Le proteste di massa sono iniziate in Bielorussia il 9 agosto dopo le elezioni presidenziali, in cui, secondo la Commissione elettorale centrale, ha vinto Alexander Lukashenko, Svetlana Tikhanovskaya è arrivata al secondo posto.

Elezioni presidenziali e proteste in Bielorussia

Il 9 agosto si sono tenute le elezioni presidenziali in Bielorussia. Secondo il Comitato Elettorale Centrale, il capo di Stato, Alexander Lukashenko, ha guadagnato l'80,1% dei consensi, seguito da Svetlana Tikhanovskaya con il 10,12%. L'opposizione non ha riconosciuto questi risultati e la stessa Tikhanovskaya è partita per la Lituania.

Da più di una settimana nel Paese si svolgono proteste non autorizzate contro i risultati delle votazioni. Nei primi giorni, i manifestanti sono stati dispersi, con le forze di sicurezza che hanno usato gas lacrimogeni, idranti, granate assordanti e proiettili di gomma.

Lunedì, 17 agosto, Il Presidente Lukashenko ha affermato durante una conversazione con i lavoratori di una fabbrica di Minsk trasmessa dal canale televisivo Belorus 24, che nel Paese potrebbero svolgersi nuove elezioni presidenziali dopo l'adozione di una nuova Costituzione mediante referendum.

Tema:
Le proteste in Bielorussia dopo le elezioni presidenziali (96)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook