08:55 01 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 02
Seguici su

Nikos Hardalias, vice ministro per la Protezione civile e la gestione delle crisi greco, ha affermato che il turismo non è tra i motivi principali dell’aumento dei casi di COVID-19 nel Paese.

Hardalias ha osservato che quasi 2,6 milioni di persone sono entrate in Grecia tra il primo luglio, il giorno in cui il paese ha riaperto i confini, e il 16 agosto. All'arrivo sono stati effettuati oltre 319.000 test COVID-19, 615 dei quali sono risultati positivi.

"Questi 615 casi rappresentano il 17% dei 3.666 contagi registrati dal 1 luglio a ieri. Ciò significa che l'83% dei casi è stato rilevato all'interno del Paese ed è emerso a causa del mancato rispetto delle misure di prevenzione nei luoghi affollati", ha affermato il funzionario oggi.

Su 2.593 milioni di persone che sono arrivate in Grecia, circa 2 milioni sono entrate nel paese attraverso gli aeroporti, 140.000 attraverso i porti marittimi e circa 385.000 hanno attraversato i confini terrestri, ha fatto notare Hardalias, aggiungendo che coloro che hanno violato le restrizioni COVID-19 sono stati multati per un totale di 2.530 milioni di euro dopo la riapertura dei confini.

Dall’inizio della pandemia in Grecia sono stati conclamati 7.222 casi di coronavirus, con 230 decessi. Secondo gli esperti, nella maggior parte dei casi le persone hanno contratto il virus alle feste in spiaggia e agli eventi pubblici, in particolare ai matrimoni.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook