14:19 27 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 04
Seguici su

Secondo i dati OMS nella settimana fino all'11 agosto l'età media dei contagi era scesa fino a 34 anni.

La pandemia di Covid-19 sta radicalmente cambiando la propria natura, con i contagi che nell'ultimo periodo sono stati spinti a livello planetario prevalentemente dai giovani sotto i 40 anni.

A riferirlo, nel corso di una conferenza stampa virtuale, è stato Takeshi Kasai, direttore dell'ufficio del Pacifico Occidentale dell'agenzia.

"La pandemia di Covid-19 nel mondo è entrata in una nuova fase, in cui è spinta da contagi nei giovani sotto i 40 anni e con un maggior il rischio per le fasce più vulnerabili, è stato il monito lanciato da Kasai.

Secondo l'esperto "le persone di 20, 30, 40 anni stanno sempre di più pilotando la diffusione", un fatto molto preoccupante in quanto molti di loro non sanno di essere infetti.

Una statistica, quella dell'OMS, che fa il paio con quella pubblicata nella giornata di ieri dall'Iss italiano, che per quanto riguarda i dati riferiti alla settimana fino all'11 agosto aveva registrato un'età mediana dei nuovi casi intorno ai 34 anni.

Stando all'ultimo bollettino della Johns Hopkins University, sono 21.912.218 i casi confermati di Covid-19 su scala planetaria, per un totale di 774.661 vittime.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook