20:41 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 80
Seguici su

Il 13 agosto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che gli Emirati Arabi Uniti avevano accettato di riconoscere e stabilire normali relazioni con lo Stato di Israele. Gli Emirati Arabi Uniti sono solo la terza nazione araba ad aver normalizzato le relazioni con Tel Avid opo l'Egitto e la Giordania.

L'esercito iraniano ritiene che l'accordo Emirati Arabi Uniti-Israele stabilisca rapporti diplomatici "sfortunati" e che l'approccio dell'esercito iraniano in relazione ad Abu Dhabi cambierà date le nuove circostanze, ha dichiarato il generale Mohammad Bagheri, capo di stato maggiore delle forze armate islamiche Repubblica dell'Iran.

"Certamente, l'approccio dell'Iran agli Emirati Arabi Uniti cambierà radicalmente e le forze armate guarderanno a questo paese diversamente. E se succede qualcosa nella regione del Golfo Persico e la nostra sicurezza nazionale possa essere a rischio, per quanto minimo, riterremo responsabili gli Emirati Arabi Uniti e non lo tollereremo", ha ammonito, nelle sue osservazioni citate da Tasnim.

Bagheri ha sottolineato che "non è troppo tardi per gli Emirati Arabi Uniti per riconsiderare la propria decisione ed evitare di perseguire una strada che è dannosa per la sicurezza della regione e per se stessi".

L'esercito degli Emirati Arabi Uniti è composto da circa 100.000 unità e il paese ha preso regolarmente parte a guerre regionali, tra cui la Guerra del Golfo del 1990-1991, la Guerra in Afghanistan (a partire dal 2007) e l'intervento a guida saudita nello Yemen a partire dal 2015. Gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato formalmente un ritiro parziale delle proprie forze da quest'ultimo conflitto nel 2019 e uno spostamento dell'attenzione dalla lotta contro la milizia sciita Houthi ai terroristi Daesh (ISIS)* e al-Qaeda* che operano nello Yemen. L'Al Dhafra Air Bae fuori Abu Dhabi è noto anche per ospitare aerei da combattimento, sistemi d'intelligence e navi cisterna dell'aviazione americana per le operazioni anti-Daesh di Washington nella regione.

L'anno scorso, tra le crescenti tensioni nel Golfo Persico a seguito di una serie di attacchi di sabotaggio di petroliere, sequestri di navi e la distruzione di un drone spia statunitense da parte delle difese aeree iraniane, l'Iran ha proposto la creazione di una coalizione di nazioni del Golfo, inclusi gli Emirati Arabi Uniti, per contribuire a garantire la sicurezza del Golfo Persico. Nel luglio 2019, i comandanti della guardia costiera dei due paesi si sono incontrati a Teheran per lavorare per migliorare la cooperazione nello Stretto di Hormuz.

I funzionari iraniani non hanno nascosto la loro antipatia per l'accordo diplomatico tra Emirati Arabi Uniti e Israele sulla normalizzazione delle relazioni noto come "Accordo di Abramo'' annunciato la scorsa settimana dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Sabato, il presidente iraniano Hassan Rouhani ha definito l'accordo un "enorme errore" e un tradimento del mondo arabo e dei palestinesi. Sempre sabato, il Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche ha avvertito che l'accordo avrebbe conseguenze "pericolose" per entrambe le parti se attuato.
 

Correlati:

Teheran promette una risposta per le azioni di disturbo dei caccia USA contro un volo di linea
Embargo armi all'Iran: per gli USA la proposta di Putin va discussa al Consiglio di sicurezza ONU
Iran definisce accordo tra Emirati Arabi Uniti e Israele come "pericoloso" e "illegittimo"
Tags:
Donald Trump
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook