15:31 21 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (89)
0 171
Seguici su

Kirill Dmitriev, capo del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), ha spiegato come funziona il vaccino contro il coronavirus russo, confrontandolo con la corsa in taxi di un passeggero.

Oggi, martedì 11 agosto, il Ministero della Salute della Federazione Russa ha registrato il primo vaccino al mondo per la prevenzione della nuova infezione da coronavirus (COVID-19), sviluppato dalla N.F. Gamaley insieme al Fondo russo per gli investimenti diretti. Si chiama "Sputnik V". Il ministro della Salute Mikhail Murashko ha affermato che il vaccino sarà prodotto in due siti: il centro nazionale di ricerca Gamaley e lo stabilimento di Binnopharm.

“L'unicità del vaccino prodotto dall'Istituto Gamaley risiede nell'uso di due vettori adenovirali contemporaneamente per fornire il materiale genetico del coronavirus nel nostro corpo”, ha detto Dmitriev in conferenza stampa.

Addentrandosi nella spiegazione del funzionamento del virus, Dmitriev lo ha paragonato alla corsa di un taxi in cui però viene fermato il passeggero non gradito, cioè il virus:

"Cioè, con l'aiuto di un virus sicuro, noi, come un taxi, forniamo le particelle della spina del coronavirus nel corpo umano. Il nostro organismo lavora in modo che l’immunità si azioni sia contro il taxi che contro il suo passeggero. La volta successiva l’organismo non lascia passare il passeggero. Proprio per questo utilizziamo un secondo taxi – il secondo vettore adenovirale, il quale ‘inganna’ il nostro organismo e introduce il resto del materiale necessario”

Pertanto, ha concluso Dmtriev, la risposta immunitaria del corpo diventa forte e a lungo termine, proteggendo in modo affidabile i vaccinati dalle infezioni.

Il percorso di sviluppo del vaccino russo

Il vaccino è stato sviluppato congiuntamente dall'Istituto di ricerca Gamaley e dal Ministero della Difesa della Federazione Russa.

I test clinici sul primo vaccino russo per il coronavirus sono iniziati il 18 giugno e hanno visti impegnati 38 volontari, che hanno sviluppato immunità al virus e sono stati dimessi il 15 e il 20 luglio scorsi.

Il Russian Direct Investment Fund (RDIF) ha anche lanciato il sito web www.sputnikvaccine.com, per fornire informazioni accurate e aggiornate sul vaccino.

Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (89)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook