18:17 30 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite consegnerà al Libano 50.000 tonnellate di farina di frumento nel quadro delle misure per contrastare la carenza alimentare nel paese a seguito dell’esplosione di Beirut che ha distrutto alcune riserve alimentari stoccate nel porto.

“A causa dei danni inflitti ai granai nel porto, il Programma alimentare mondiale consegnerà 50.000 tonnellate di farina di frumento nella capitale libanese in modo che il paese non subisca carenze alimentari”, afferma in un rapporto l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.

Si stima che le attuali riserve di farina di grano nel paese coprano le esigenze del mercato per 6 settimane, aggiunge il rapporto. La prima consegna di 17.500 tonnellate dovrebbe arrivare al porto di Beirut entro i prossimi dieci giorni per rifornire i panifici per un mese.

In precedenza, l’economista libanese Bassem Ajaqah aveva affermato a Sputnik che una delle questioni che sono sorte dopo l’esplosione a Beirut è quella alimentare, in quanto le scorte di cibo, farine ecc. nel porto sono state completamente distrutte e il porto di Beirut mobilizzava fino al 70% del fabbisogno commerciale del paese.

Una potente esplosione si è verificata lo scorso 4 agosto nel porto di Beirut. Secondo quanto dichiarato dalle autorità, la deflagrazione è avvenuta in un silos del porto in cui erano ammassate 2750 tonnellate di nitrato di ammonio confiscate nel 2015. L’onda esplosiva ha interessato tutta la città. L’incidente ha provocato circa 170 vittime e quasi 6.000 feriti, causando fino a 15 miliardi di dollari di danni alla capitale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook