23:18 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
111
Seguici su

Per Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore dell'OMS, c'è luce in fondo al tunnel della lotta al nuovo coronavirus cinese.

Nonostante il numero di contagi da coronavirus nel mondo si stia avvicinando a grandi passi verso quota 20 milioni e il bilancio delle vittime parli di 750.000 decessi, sembra esserci anche un barlume di speranza nella lotta alla pandemia.

A riferirlo è il direttore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus in un comunicato pubblicato nelle scorse ore.

"Molti di voi oggi sono in lutto. E' un momento difficile per tutto il mondo. Ma voglio fare chiarezza: sta germogliando il seme della speranza e, indipendentemente da dove si trovi la vostra nazione, regione, città o paesino, non è mai tardi per reprimere un focolaio di Covid-19", si legge nella nota.

Ghebreyesus  ha quindi esortato tutti i Paesi a prendere esempio da stati come la Nuova Zelanda, Ruanda e altre nazioni insulari nel Mar dei Caraibi e nell'Oceano Pacifico, che sono riuscite preventivamente ad interrompere la diffusione del virus.

"La Nuova Zelanda è un esempio per tutto il mondo di come si debba combattere il coronavirus", ha sottolineato.

In ultima analisi Ghebreyesus  ha quindi invitato tutti i capi di stato mondiali all'azione e i cittadini a seguire tutte le misure di contenimento:

"Il mio invito è cristallino: respingere, respingere e ancora respingere il virus", ha quindi concluso il direttore dell'OMS.

Nella giornata di ieri Ghebreyesus  aveva tessuto gli elogi di diversi Paesi tra cui l'Italia per l'ottima gestione dell'emergenza sanitaria legata alla pandemia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook