02:03 18 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
113
Seguici su

Il Regno Unito ha registrato oltre 46.000 decessi per COVID-19 dall'inizio dell'epidemia di virus. La maggior parte dei decessi è avvenuta tra marzo e maggio.

Le restrizioni per il COVID-19 del Regno Unito "hanno ucciso due persone su tre" la cui morte è stata causata dal virus entro il 1° maggio, ha riferito il Telegraph citando i dati forniti dal gruppo di consulenza scientifica per le emergenze (SAGE) del governo.

Secondo le stime, all'inizio di maggio, 16.000 persone sono morte nel Regno Unito a causa del mancato trattamento medico, di cui 6.000 che non avevano cercato aiuto presso i servizi di pronto soccorso per timori di contrarre il virus. Il rapporto osservava che lo slogan "Resta a casa, proteggi l'NHS, salva vite" spingeva i pazienti a evitare di recarsi al pronto soccorso. Nello stesso periodo, 25.000 persone sono morte come diretta conseguenza della contrazione del COVID-19.

Le cifre, calcolate dal Dipartimento della Salute, dall'Office for National Statistics (ONS), dal Dipartimento dell'Attuario del governo e dall'Home Office, hanno anche mostrato che altre 10.000 persone sono morte nelle case di cura dopo essere state dimesse dagli ospedali durante il picco del virus.

Le cifre suggeriscono anche che altre 26.000 persone potrebbero perdere la vita nei prossimi mesi a causa delle restrizioni sanitarie imposte al NHS durante la pandemia.

Tuttavia, il rapporto stima che il lockdown abbia agito come una forza positiva salvando almeno 2.500 vite attraverso la riduzione delle morti sulla strada, facendo sì che più persone adottassero uno stile di vita più sano e abbassando generalmente gli indici di inquinamento, nonché una diminuzione delle malattie infettive tra i bambini.

Le stime arrivano tra le critiche degli operatori sanitari britannici rivolte alla presunta eccessiva enfasi del governo britannico sulla risposta al coronavirus con una conseguente riduzione di alcuni servizi del NHS. Il rapporto stima che si prevede che 1.400 persone moriranno nei prossimi cinque anni a causa di una diagnosi tardiva di cancro. Nel complesso, la recessione causata dal coronavirus e i tempi di attesa più lunghi per i servizi di assistenza medica non urgente metterebbero a rischio altre 81.500 vite nei prossimi 50 anni, ha affermato il gruppo.

Secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University, ci sono stati 46.596 decessi registrati nel Regno Unito per COVID-19. Tuttavia, i dati pubblicati dall'ONS affermano che il coronavirus potrebbe aver effettivamente ucciso 56.600 persone in tutto il paese durante l'intero periodo della pandemia.

Correlati:

Boris Johnson elogia il sistema di test e tracciamento COVID-19 del Regno Unito
Studio afferma che i pazienti COVID-19 perdono l'immunità al virus dopo tre mesi
Uno studio rivela, Liverpool-Atletico ha provocato 41 decessi dal coronavirus
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook