13:06 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
La devastante esplosione presso il porto di Beirut (61)
131
Seguici su

Papa Francesco ha inviato 250 mila euro di aiuti per sostenere la Chiesa del Libano nella sua attività di soccorso alla popolazione di Beirut colpita dalla enorme esplosione del 4 agosto.

Papa Francesco fa sentire la sua vicinanza concreta alla città di Beirut e invia 250 mila euro attraverso il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

La donazione di papa Francesco è rivolta alla Chiesa del Libano quale “segno della premura di Sua Santità verso la popolazione coinvolta dalla deflagrazione al porto di Beirut”, si legge nel comunicato emesso dal Dicastero pontificio.

Un aiuto economico che sta a significare la “paterna vicinanza con quanti si trovano nel dolore e nelle difficoltà più stringenti” del Santo Padre.

Il Dicastero rende noto che l’aiuto è già stato trasmesso “tramite la Nunziatura Apostolica in Beirut e servirà per soccorrere le persone colpite dalla terribile esplosione”.

L’aiuto della chiesa Cattolica

“A fronte delle urgenti necessità, è stata immediata la risposta di soccorso da parte delle strutture cattoliche, mediante centri di accoglienza per gli sfollati, unitamente all’azione di Caritas Libano, Caritas Internationalis e varie Caritas sorelle”, scrive ancora il Dicastero.

1 milione di euro dalla Conferenza episcopale italiana

Questa mattina è stata invece la Conferenza episcopale italiana (CEI) a rendere noto lo stanziamento di “1 milione di euro dai fondi otto per mille, in soccorso delle popolazioni del Libano colpite dalla terribile esplosione del 4 agosto scorso”.

“Lo stanziamento della Presidenza CEI è destinato al sostegno dei piani di intervento d’emergenza di Caritas Libano, tramite Caritas Italiana, per i prossimi 12 mesi. In coordinamento con le agenzie umanitarie presenti, la Caritas sta già fornendo cibo, farmaci, assistenza medica, beni di prima necessità, kit igienico sanitari, e prevede di continuare tali azioni per i prossimi mesi”, si apprende dal comunicato della CEI.

La CEI in futuro si farà carico anche degli interventi di riparazione delle abitazioni e delle attività di riabilitazione, ma anche del sostegno al reddito per le fasce meno abbienti della città di Beirut.

Tema:
La devastante esplosione presso il porto di Beirut (61)

Correlati:

Beirut prima e dopo l'esplosione vista dallo spazio
Soccorritori trovano uomo vivo in mare 30 ore dopo la devastante esplosione nel porto di Beirut
Scoppiano proteste anti-governo a Beirut dopo la devastante esplosione - Foto, video
Tags:
Libano, Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook