21:02 30 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
La devastante esplosione presso il porto di Beirut (61)
0 10
Seguici su

A seguito della potente esplosione avvenuta oggi a Beirut alcuni peacemaker della Forza di Interposizione in Libano delle Nazioni Unite (UNIFIL) sono stati feriti. E' rimasto ferito anche un militare del contingente italiano, ha dichiarato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

I peacemaker feriti sono stati trasportati negli ospedali più vicini, il loro numero non è stato reso noto. E’ in corso la valutazione dei danni causati. Il comandante dell'UNIFIL, Stefano del Col, ha espresso solidarietà al popolo e al governo del Libano e ha dichiarato la sua disponibilità a fornire l'assistenza necessaria.

“A causa della potente esplosione che ha tuonato stasera nel porto di Beirut una delle navi della task force navale UNIFIL attraccata nel porto è stata danneggiata, lasciando i peacemaker navali dell'UNIFIL feriti”, riporta una nota della missione di pace in Libano.

In serata il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha affermato che un militare in servizio nel contingente italiano è rimasto ferito. Guerini, dopo aver appreso la notizia sull’esplosione a Beirut, ha contattato il generale Andrea Di Stasio, comandante del Contingente italiano in Libano, e il generale Luciano Antoci, comandante della Missione bilaterale di addestramento.

“Un nostro militare è rimasto lievemente ferito. A lui e ai suoi familiari va la mia solidarietà e vicinanza, cosi come a tutti i militari italiani in Libano” - ha detto Guerini.

Esplosione nel porto di Beirut

L'esplosione a Beirut si è verificata oggi intorno alle ore 18 locali con un’alta colonna di fumo, vista da tutti i quartieri della capitale. L’onda esplosiva ha interessato praticamente tutta la città, portando ingenti danni materiali.

Si contano migliaia di feriti e decine di vittime. Gli ospedali sono sovraffollati a causa del gran numero di persone che hanno bisogno di assistenza medica. Il governatore della capitale libanese Marwan Abboud ha paragonato l'accaduto e le scene viste a quelle di Hiroshima e Nagasaki.

Il primo ministro libanese Hassan Diab, parlando alla nazione, ha affermato che i responsabili saranno puniti e ha esortato “i paesi fraterni e amichevoli ad aiutare”.

Tema:
La devastante esplosione presso il porto di Beirut (61)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook