03:49 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
358
Seguici su

Nel centro di Belgrado, all’uscita dal Parlamento, manifestanti dell’opposizione hanno bersagliato con uova vari deputati della nuova Assemblea legislativa convocati per la prima sessione, prima di prestare giuramento.

Oggi, lunedì 3 agosto, sono stati confermati i mandati ai 250 deputati della nuova Assemblea serba. Contestualmente si è tenuta la tradizionale cerimonia del giuramento dei neo eletti.

L’evento non è stato privo di contrattempi dato che un piccolo ma agguerrito gruppo di protesta, guidato dal leader del movimento ‘Basta’, l'ex ministro Sasha Radulovich, è intervenuto cercando di bloccare il carosello di automobili di rappresentanza di fronte all’Assemblea parlamentare. Sono stati urlati slogan e lanciate pesanti accuse di tradimento degli interessi nazionali alle autorità, nonché di illegittimità nei confronti del Parlamento stesso.

La protesta pacifica e su piccola scala è stata trasmessa da molti dei suoi partecipanti sui social network. Durante la pausa della riunione, i deputati del Partito di minoranza nazionale, l'Unione degli ungheresi della Vojvodina (SVM), hanno lasciato l'edificio del parlamento per scattare una foto davanti all'Assemblea. I manifestanti hanno iniziato a urlare, fischiare e lanciare uova contro di loro. Come ha detto in seguito ai giornalisti la deputata Elvira Kovacs, sono riusciti a colpire la sua collega, la dott.ssa Emese Uri, anch'essa ungherese di etnia.

La polizia, che aveva allestito un leggero cordone davanti ai gradini del Parlamento, ha arrestato uno dei manifestanti e controllato i documenti di diversi altri.

Elezioni in Serbia

Il 21 giugno la Serbia ha tenuto le elezioni legislative per l'Assemblea, l'organo rappresentativo della provincia autonoma della Vojvodina e per le autorità municipali. Il 1° luglio circa 200 mila cittadini serbi hanno votato per il secondo turno in 234 seggi elettorali.

Secondo i dati finali della commissione elettorale, il partito progressista serbo al potere, del Presidente Aleksandar Vucic, ha ricevuto il 60,65% dei voti e 188 seggi su 250 nell'Assemblea. Vucic si è quindi consultato con i leader dei partiti parlamentari e ha annunciato che entro il 25 agosto sarebbe stato formato un nuovo Governo.

Il partito socialista serbo, del ministro degli Esteri Ivica Dacic, ha ottenuto il 10,38% e 32 seggi, il blocco SPAS del capo della municipalità di Novi Beograd Aleksandr Shapic – il 3,83% e 11 seggi.

I seggi nel Parlamento serbo sono andati anche a partiti delle minoranze nazionali secondo la quota: l'Unione degli ungheresi della Vojvodina ha ricevuto nove mandati, la coalizione dell'ex capo mufti Muamer Zukorlich e i macedoni - quattro seggi parlamentari, il Partito di azione democratica di Sandzak (slavi musulmani) - tre mandati e la coalizione albanese del sud - tre seggi nell'Assemblea. Il resto dei partiti non è stato in grado di superare la quota di sbarramento del 3%.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook