23:00 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 52
Seguici su

Per Robert O'Brien tutto il mondo potrebbe trarre giovamento da un miglioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Federazione Russa.

Nuove sanzioni americane nei confronti della Russia non saranno necessarie qualora Mosca si astenesse da atteggiamenti aggressivi fuori dai propri confini e diventasse un partner amichevole nei confronti di USA ed Europa. A sostenerlo dalle colonne del Washington Post è il consigliere di Donald Trump per la sicurezza nazionale Robert O'Brien.

Nel suo articolo, pubblicato sul quotidiano americano, O'Brien ha fatto l'elenco di tutte le sanzioni imposte dall'amministrazione Trump nei confronti della Federazione Russa.

"Nessun presidente dai tempi di Reagan non aveva mostrato una tale risolutezza nei confronti di Mosca. Come Reagan, il presidente Trump sta cercando di raggiungere un nuovo tipo di relazioni con la Russia, in modo tale che la Russia si astenga da manifestazioni di aggressività al di fuori dei propri confini e si trasformi in un partner affidabile per USA ed Europa. In un mondo simile le sanzioni contro la Russia non sarebbero necessarie e le relazioni commerciali tra i nostri Paesi prospererebbero. I russi, gli americani, tutto il mondo ne gioverebbe da relazioni di questo genere", scrive O'Brien.

Parlando dei possibili settori in cui USA e Russia potrebbero lavorare in sinergia, il consigliere di Trump ha rilevato che nei prossimi mesi i due Paesi potrebbero portare avanti un nuovo dialogo sulla lotta al terrorismo.

"Sia la Russia che gli Stati Uniti sono stati bersaglio di attacchi da parte di estremisti. Dei funzionari americani, probabilmente, si incontreranno con i loro omologhi russi dei servizi segreti e e delle forze dell'ordine per discutere di tali questioni nei prossimi mesi", ha sottolineato O'Brien.

Infine, il consigliere alla sicurezza nazionale americano ha espresso il proprio auspicio circa un accordo con Russia e Cina per la limitazione degli arsenali nucleari a disposizione di questi tre Paesi.

In passato la Federazione Russa ha più volte rispedito al mittente le accuse da parte dell'Occidente riferite ad una presunta politica aggressiva, mostrando al contrario la propria predisposizione alla cooperazione internazionale e al dialogo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook