20:00 14 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
281
Seguici su

La dichiarazione di Zarif giunge a poche ore dalla cattura del leader di un gruppo terroristi monarchico per il ritorno dello Sha a Teheran, che ha base negli Usa.

Il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif ha invitato l'Occidente a smettere di finanziare e ospitare gruppi terroristici.

I terroristi "dai loro paradisi sicuri negli Stati Uniti e in Europa, promuovono l'odio, agitano e organizzano omicidi e caos, e rivendicano spudoratamente la responsabilità dell'omicidio di innocenti civili iraniani", twitta il ministro.

"Questa ipocrisia non può essere oscurata da una cortina di fumo", aggiunge. 

La dichiarazione arriva dopo l'annuncio con cui questo  sabato  Ministero dell'intelligence iraniano ha comunicato l'arresto di un'organizzazione terroristica monarchica con base negli Stati Uniti.

Si tratta di Jamshid Sharmahd, secondo l'intelligence iraniana a capo di Tondar, noto anche come Assemblea del Regno dell'Iran, un gruppo eversivo che mira a sovvertire il governo per favorire il ritorno dello Sha, cacciato con la rivoluzione islamica del 1979. 

 Il gruppo aveva rivendicato l'attacco alla moschea Seyed al-Shohada nella città iraniana meridionale di Shiraz nel 2008, in cui erano rimaste uccise 14 persone e ferite altre 202. Due persone che si ritiene fossero associate al gruppo sono state arrestate e giustiziate nel 2010. Si ritiene inoltre che il gruppo sia responsabile dell'attentato dinamitardo del 2010 al fisico nucleare iraniano Masoud Alimohammadi.

L'organizzazione è stata anche accusata di aver pianificato una serie di altri attentati e di sabotaggio falliti, incluso un piano per far esplodere la diga di Sivand nella provincia di Fars, nel sud dell'Iran.

L'Iran ha accusato Tondar di pianificare ulteriori attentati terroristici e ha esortato gli Stati Uniti a estradare individui ritenuti affiliati al gruppo. Gli Stati Uniti non classificano il gruppo come un'organizzazione terroristica e secondo quanto riferito avrebbero permesso al movimento di operare liberamente dal loro centro operativo a Los Angeles, in California, dove gestiscono stazioni radio e televisive che chiedono il rovesciamento violento del governo iraniano.

 

Tags:
Javad Zarif, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook