19:58 14 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (88)
333
Seguici su

Un'altra notte di rivolta negli Usa, con violenti scontri e arresti a Portland e Seattle, dove i manifestanti sono scesi per le strade a manifestare contro il razzismo e le violenze della polizia.

Non si fermano le proteste negli Usa, scoppiate a fine maggio dopo l'assassinio di George Floyd, l'afroamericano ucciso durante l'arresto, trasformate in vere e proprie rivolte che non danno tregua al Paese, pesantemente flagellato dall'emergenza COVID-19. 

Seattle 

Almeno 59 agenti delle forze dell'ordine sono stati feriti durante i disordini di Seattle, in California, mentre 47 manifestanti sono stati arrestati, secondo la polizia cittadina.

"In tutto 59 ufficiali sono rimasti feriti durante il giorno, e uno di loro è stato ricoverato in ospedale. Le lesioni variavano da abrasioni e contusioni a ustioni e un menisco lacerato. Gli ufficiali hanno arrestato 47 persone prima della fine della protesta per aggressioni contro ufficiali, mancata dispersione, e ostruzione ", ha detto la polizia in una dichiarazione.

​La polizia ha tentato di allontanare i manifestanti dalla zona est della città dopo il lancio di un esplosivo contro un edificio.

Portland

A Portland, città dell'Oregon diventata il centro delle rivolte statunitensi, domenica sera gli agenti di polizia hanno arrestato due persone responsabili di aver sparato colpi di arma da fuoco nei pressi di una manifestazione di protesta, accanto a un tribunale federale, luogo di violenti scontri tra agenti e dimostranti da diverse settimane.

Alcuni testimoni avrebbero riferito di scontri avvenuti nell'area poco prima dello sparo, attorno alle 7.30 di sera. Una persona è giunta con i propri mezzi in ospedale con ferite da arma da fuoco. 

"Mentre la polizia stava proteggendo la scena, una persona è arrivata in ospedale con un veicolo privato con unaferita da arma da fuoco, non pericolosa per la vita. Quella persona sembra essere stata associata all'incidente", hanno detto i funzionari di polizia in una nota.  

Poco dopo l'incidente la polizia ha lasciato la zona che è stata occupata dai manifestanti in protesta, con slogan e cartelli antirazzisti, come ogni notte da quasi due mesi. Verso mezzanotte si sono verificati alcuni disordini, quando gli attivisti hanno tentato di assediare il tribunale e la polizia ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere la folla. 

Il governo degli Usa ha inviato dei rinforzi alla polizia locale per poter contenere le proteste. La decisione è stata duramente contestata dal sindaco della città, Ted Wheeler. 

L'attacco al sindaco di Portland

Il segretario del Dipartimento della sicurezza nazionale, Chad Wolf, ha criticato il sindaco Wheeler per la gestione delle proteste e difendendo al contempo la decisione di dispiegare forze federali in città.

Secondo Wolf, i manifestanti hanno intrapreso azioni criminali molto diverse dalla "normale attività criminale" e dal crimine di strada in città come Chicago, Kansas City e altre.

"Stanno arrivando armati di pietre, bottiglie, mazze da baseball, utensili elettrici, fuochi d'artificio, suscitando quella violenza e scatenando la loro violenza su tribunali forze dell'ordine federali", ha dichiarato Wolf su "Sunday Morning Futures" di Fox News .

Wolf ha puntato il dito contro le autorità cittadine per aver lasciato la situazione fuori controllo.

"Vediamo che la leadership della città ha favorito un ambiente che consente a questi criminali di fare quello che vogliono per tutta la notte, intoccabili, assolutamente intoccabili", ha detto Wolf. 

Ted Wheeler, tuttavia, ha condannato Trump per aver inviato forze federali in città, accusandolo di "attaccare città progressiste con truppe non gradite e non qualificate".

"Gli agenti militarizzati stanno terrorizzando il popolo americano. Dobbiamo restare insieme per la pace e le riforme e contro queste tattiche non americane", ha detto Weeler.
Tema:
La morte di George Floyd (88)
Tags:
Proteste, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook