03:47 01 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 20
Seguici su

Una persona, ritenuta morta dai parenti, è stata ritrovata in un villaggio a nord del Cairo alcuni mesi dopo il suo funerale. La famiglia dell’uomo è rimasta sbalordita dopo aver scoperto che la persona seppellita era quella sbagliata.

Un uomo egiziano, ritenuto morto e seppellito da quattro mesi, é stato trovato da un gruppo di giovani mentre stava vagando per un cimitero nel villaggio Kafr Al-Hosar, governatorato di Sharqiyya. Lo riporta l’agenzia saudita Arab News.

Protagonista di questa strana storia è, Mohammed El-Gammal, ex insegnante affetto da disturbi mentali, che spesso era solito allontanarsi dalla propria abitazione per lunghi periodi di tempo senza avvisare i parenti.

A gennaio, El-Gammal è scomparso per ennesima volta. Dopo ricerche senza risultato un parente che lavorava ad un ospedale ha segnalato alla famiglia un uomo morto che assomigliava al membro della famiglia scomparso. In seguito il defunto è stato identificato dalla maggior parte della famiglia come El-Gammal: da tutti tranne da una dellle sue sorelle.

Il funerale si è svolto il 21 marzo. Gli è stato prelevato un campione di DNA, ma la famiglia non ha ricevuto il risultato del test.

Il culmine della storia è arrivato nello scorso weekend, quando un gruppo di giovani ha trovato El-Gammal girovagare per un cimitero. Nella stazione di polizia l’uomo è stato riconosciuto, questa volta in maniera corretta.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook