07:52 15 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 30
Seguici su

A causa dell'emergenza coronavirus cancellati Gran Premi in Brasile, Stati Uniti, Messico e Canada. Oltre a Imola, si ritorna a gareggiare sui circuiti di Nuerburgring (Germania) ed Estoril (Portogallo).

Il calendario del campionato mondiale di Formula 1, che ha aperto i battenti in Austria, quest'anno vive uno stato di perenne ridefinizione a causa della pandemia di coronavirus.

Attualmente le gare in programma sarebbero 13 ma, secondo gli intenti degli organizzatori, si dovrebbe arrivare a 15.

Il numero è frutto della cancellazione di alcuni Gran Premi e dell'aggiunta di nuovi.

Non si disputeranno a causa del coronavirus le gare nelle Americhe: saranno infatti cancellati i GP di Stati Uniti, Brasile, Messico e Canada. Questi si vanno ad aggiungere a quelli già cancellati a metà giugno: Azerbaijan, Singapore e Giappone.

Per gare che vengono cancellate, ce ne sono altre che vengono reintrodotte, tutti graditi ritorni.

Oltre al circuito portoghese dell'Estoril e a quello tedesco del Nuerburgring, riaprirà i battenti anche l'autodromo 'Enzo e Dino Ferrari' di Imola. La competizione si chiamerà Gran Premio dell'Emilia Romagna e si correrà il 1 novembre.

L'ultima volta che il circus iridato aveva fatto tappa a Imola era il 2006. Vinse Michael Schumacher su Ferrari e chissà che questo non sia di buon auspicio per la casa di Maranello, che ha iniziato la stagione in modo non certo esaltante

L'Italia ospiterà quindi un terzo GP oltre a quelli di Monza e del Mugello.

Il calendario rimane in via di definizione: l'ultima gara finora confermata è quella del 27 settembre a Sochi, in Russia, che sarebbe la decima gara del campionato mondiale. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook