17:17 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
232
Seguici su

Statue e monumenti che commemorano persone legate alla schiavitù o al razzismo sono diventati il ​​bersaglio principale dei manifestanti di Black Lives Matters.

Una statua di un manifestante Black Lives Matter (BLM), segretamente installata a Bristol per sostituire il monumento al commerciante di schiavi Edward Colston, è stata rimossa giovedì dalle autorità della città, ha affermato il Consiglio comunale di Bristol in una nota.

"Questa mattina abbiamo rimosso la scultura. Verrà portata nel nostro museo per la raccolta o la donazione dell'artista alla nostra collezione. Il sindaco di Bristol Marvin Rees ha rilasciato ieri una dichiarazione sulla necessità di un processo democratico in cui la gente di Bristol deciderà il futuro del plinto", ha twittato il Consiglio.

Secondo l'emittente Sky News, gli appaltatori del consiglio sono stati visti rimuovere il monumento nelle prime ore di giovedì.

​Il monumento, raffigurante il manifestante nero Jen Reid con il pugno alzato, è stato installato durante una marcia della Lives Matter nera nelle prime ore di mercoledì senza informare il Comune di Bristol.

La mossa è arrivata dopo che la statua di Bristol di Colston, il mercante del XVII secolo, è stata rovesciata dai manifestanti il ​​7 giugno in mezzo a un'ondata di manifestazioni contro la disuguaglianza razziale a seguito della morte dell'uomo afroamericano George Floyd nella custodia della polizia statunitense.

Statue e monumenti che commemorano persone legate alla schiavitù o al razzismo sono diventati il ​​bersaglio principale dei manifestanti di Black Lives Matters sulla scia della morte di Floyd il 25 maggio nella città di Minneapolis.

Video 

Correlati:

“Perché non sostituiamo Carlo XII con Greta?” – I ‘Black Lives Matter’ arrivano in Svezia
Nipote di Churchill: movimento Black Lives Matter "dirottato" da anarchici e folle violente
Black Lives Matter arriva a Roma: piazza del Popolo in ginocchio per George Floyd - video e foto
Tags:
statua
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook