10:56 05 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 06
Seguici su

Ritrovato il corpo dell'attrice 33enne Naya Rivera che nel Lago Piru in California è riuscita a mettere in salvo il figlio di 4 anni prima di sparire, inghiottita dalle acque.

Naya Rivera, l’attrice famosa per il suo ruolo recitato nella serie televisiva Glee, è stata ritrovata morta nel Lago Piru dalle autorità che ne cercavano il corpo. L’attrice, di 33 anni, prima di sparire nelle acque del fiume californiano è riuscita a mettere in salvo il figlio di 4 anni issandolo sulla barca.

Il corpo ritrovato ieri nel lago sarebbe quindi il suo, ha riferito lo sceriffo.

E sarebbe stata la testimonianza del piccolo rimasto solo sulla barca e alla deriva, a spiegare alle autorità che la mamma lo aveva issato sulla imbarcazione per poi vederla sparire nelle acque del lago.

Naya ha usato tutte le forze che aveva per mettere in salvo il suo unico figlio avuto con l’ex coniuge Ryan Dorsey, anch’egli presente sulle sponde del lago durante le attività di ricerca e soccorso dell’attrice.

Secondo le ricostruzioni, madre e figlio stavano nuotando in un’area del lago con una fitta vegetazione acquatica che potrebbe aver complicato la risalita a bordo di Naya.

Il Lago Piru già in passato aveva inghiottito la vita di altre persone annegate.

Gli amici sulle sponde del lago

In questi giorni di ricerca gli amici del cast di Glee, si sono ritrovati sulle sponde del Lago Piru per stringersi in un abbraccio simbolico alla famiglia di Naya, al figlio e all’ex marito.

La serie televisiva ‘maledetta’

Il caso di Naya Rivera fortifica l’aura di maledizione che la serie televisiva Glee si era conquistata a seguito della morte della co-star Cory Monteith nel 2013, ucciso a Vancouver da una overdose di alcol ed eroina. E poi in seguito la morte di Mark Salling nel 2018 per suicidio.

Correlati:

Naya Rivera, ritrovato un corpo nel lago in cui è scomparsa l'attrice
Naya Rivera, una foto al figlio potrebbe aiutare nelle ricerche
Tags:
cinema
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook