06:06 16 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
La conversione di Santa Sofia in moschea (15)
2137
Seguici su

La basilica di Santa Sofia di Istanbul tornerà ad essere una moschea, il 24 luglio si svolgeranno le prime preghiere musulmane e non si dovrà pagare più il biglietto d'ingresso.

Il leader leghista Matteo Salvini ha commentato la decisione del Consiglio di Stato turco di revocare lo status di museo concesso nel 1934 e ripristinare il culto liturgico all'interno di Santa Sofia. 

"La stessa Turchia che qualcuno vorrebbe far entrare in Europa, trasforma Santa Sofia in una moschea", scrive in un tweet.

La riconversione è stata annunciata ieri dal presidente turco, Recepp Tayyp Erdogan che dopo aver firmato il decreto ha comunicato che la riapertura al culto avverrà dal 24 luglio. Intanto Santa Sofia cessa di essere un museo e già nella serata di venerdì si è svolta la prima preghiera islamica.

"La prepotenza di un certo islam si conferma incompatibile con i valori di democrazia, libertà e tolleranza dell’Occidente", ha proseguito Salvini.

​Le critiche alla decisione delle autorità turche, su cui è possibile presentare un ricorso alla corte entro 30 giorni, non arrivano soltanto dal leader del centro-destra italiano. In particolare sono arrivate le rimostranze dalla vicina Grecia. 

Secondo il ministro degli Esteri greco Georgios Katrougalos, la riconversione di Santa Sofia in un luogo di culto islamico è un “insulto sia ai cristiani che alla comunità internazionale”.

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva dichiarato che Ankara ha il diritto di modificare lo status della Santa Sofia, facendone una moschea, senza considerare pareri di altri stati.

La preoccupazione dell'Unesco

L'Unesco ha espresso le sue preoccupazioni sulla riconversione del Museo di Santa Sofia a Istanbul in una moschea.

Ricordando il ruolo centrale di Aghia Sophia sia per il mondo cristiano-bizantino, sia nell'impero ottomano, ha raccomandato di "assicurarsi che nessuna modifica mini lo straordinario valore universale di un sito sul suo territorio che si trova nella lista. Ogni modifica deve essere notificata dal Paese all'Unesco e verificata dal Wolrd Heritage Commitee", come riferisce Reuters. 

Il sito di Santa Sofia è nella lista dell'Unesco dei beni patrimonio universale dell'umanità.

Santa Sofia, la storia

Santa Sofia fu costruita dall'imperatore bizantino di fede cristiana Giustiniano I e venne inaugurata il 27 dicembre 537. La basilica ha rappresentato il tempio più grande del mondo cristiano per oltre mille anni. Dopo la conquista di Costantinopoli da parte degli ottomani e la caduta dell'Impero bizantino nel 1453, la cattedrale fu convertita in moschea, ma dal 1934 l'edificio, con decreto del fondatore del moderno stato turco, Kemal Ataturk, è diventato museo e ed è stato inserito nella lista dei patrimoni mondiali dell'UNESCO.

Tema:
La conversione di Santa Sofia in moschea (15)
Tags:
Istanbul, Turchia, Islam, Matteo Salvini, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook