20:09 13 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
3018
Seguici su

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) da Ginevra avverte: il virus in molti paesi non è controllato ed i casi sono raddoppiati in un mese e mezzo.

"Sappiamo che quando i paesi implementano una strategia comprensiva, basata sulle misure fondamentali di sanità pubblica, come fare tamponi, trovare, isolare e trattare i casi, la pandemia può essere messa sotto controllo", ha fatto notare il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, parlando della situazione epidemiologica che in alcuni parti del mondo sta peggiorando.

"Nella maggior parte del mondo il virus non è sotto controllo, la situazione peggiora", ha sottolineato il capo dell’OMS, citando dati aggiornati sulla pandemia COVID-19.

In particolare Ghebreyesus ha spiegato che "la pandemia sta accelerando" con oltre 11,8 milioni di casi di contagio totali registrati al mondo, con oltre 544 mila vite perse.

Tuttavia, il dato più notevole riguarda l’aumento dei casi nelle ultime sei settimane: il numero complessivo mondiale dei casi di contagio è raddoppiato.

Il direttore generale dell’OMS ha parlato anche dei disagi provocati dalla pandemia ad altre categorie di pazienti, soprattutto nelle categorie più a rischio e nei paesi poveri.

"Centinaia di milioni di bambini sono a rischio per le mancate vaccinazioni di routine per la tubercolosi, la polmonite, il morbillo, la poliomielite, il colera, la diarrea. Molti Paesi inoltre stanno esaurendo i farmaci per l'HIV", afferma  Ghebreyesus, aggiungendo che i rifugiati, come più vulnerabili alla pandemia, al momento subiscono mancato accesso ad acqua, cibo, igiene e sanità. Inoltre, sia nei paesi ricchi che poveri più persone stanno soffrendo di fame.

Stando ai dati dell'Istituto Johns Hopkins, il numero complessivo mondiate di casi di contagio al mondo ha superato la quota di 12 milioni. Tra i paesi in cui vengono registrati i più alti numeri di nuovi casi ci sono Stati Uniti, Brasile ed India.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook