21:01 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Ad annunciarlo con un post sui social è il team Renault. L'ex ferrarista e due volte campione del mondo di F1 proprio con la Renault nel 2005 e 2006 si rimetterà al volante nella prossima stagione.

Fernando Alonso tornerà ad essere di nuovo un pilota di Formula 1. La Renault ha annunciato ufficialmente l'ingaggio del pilota spagnolo, due volte campione del mondo proprio con lo stesso team nel 2005 e 2006.

"Fernando Alonso si unisce al team Renault di Formula 1. Il Team Renault è lieto di confermare Fernando Alonso al fianco di Esteban Ocon nella sua formazione di piloti per la stagione 2021," si legge nel tweet della scuderia francese.

Soddisfazione è stata espressa dall'asso del volante isturiano.

"La Renault è la mia famiglia, i miei ricordi più cari in Formula 1 con i miei due titoli mondiali, ma ora guardo al futuro. È con grande motivo di orgoglio e con immensa emozione che torno alla squadra che mi ha dato la mia possibilità all'inizio della mia carriera e che ora mi dà l'opportunità di tornare ai massimi livelli. Ho idee e ambizioni in linea con il progetto del team. I loro progressi di questo inverno danno credibilità per la stagione 2022 e condividerò tutta la mia esperienza di corsa con tutti, dagli ingegneri ai meccanici e ai miei compagni di squadra. La squadra vuole e ha i mezzi per tornare sul podio, così come io", le parole di Alonso riportate su Renaultsport. 

Dalla Formula 1 Alonso aveva annunciato il ritiro nel 2018, al termine di 4 stagioni negative senza possibilità di lottare per il titolo per i limiti della sua McLaren. Prima era stato al volante della Ferrari per 5 stagioni: nel 2012 arrivò a sfiorare il titolo, battuto per soli 3 punti da Sebastian Vettel, prima guida della Red-Bull, che poi avrebbe sostituito Alonso alla Ferrari, ironia della sorte, senza riuscire a riportare il Mondiale al Cavallino. Per il pilota tedesco questa è la sua ultima stagione a Maranello.

Tags:
Automobilismo, Sport
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook