04:03 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Le affermazioni si sono susseguite online dopo che è riemersa una vecchia foto di Elon Musk in posa accanto a Ghislaine Maxwell, ex fidanzata e sospetta complice di Jeffrey Epstein nell'adescare minori, a una festa di "Vanity Fair".

Talulah Riley, attrice britannica ed ex moglie del fondatore di Tesla Elon Musk, ha smentito i rumors secondo i quali sia stata procurata in qualità di "sposa bambina" per il suo ex marito da Ghislaine Maxwell, ex fidanzata di Jeffrey Epstein.

"Per quanto ne sappia, non ho mai incontrato Ghislaine Maxwell", ha dichiarato la Riley in un comunicato rilasciato nel fine settimana dopo che una foto del famoso imprenditore in piedi accanto alla Maxwell a una festa di "Vanity Fair" è riemersa e ha iniziato a fare il giro sui social media.

“Elon e io ci siamo conosciuti quando avevo 22 anni e lui era in viaggio d'affari a Londra. È stato un incontro casuale, non pianificato da nessuno", ha scritto l'attrice.

L'immagine ormai virale alla base dei gossip è stata scattata in un party dopo la cerimonia degli Oscar 2014, organizzato da "Vanity Fair", al quale la Riley ha ammesso di essere presente.

"È possibile che io le sia stata brevemente presentata, ma non in alcun modo che io possa ricordare", ha ricordato.

La foto di Elon Musk in piedi accanto a Ghislaine Maxwell è stata tirata fuori per la prima volta nel 2019, e un portavoce di del fondatore di SpaceX ha dichiarato a "Business Insider" che la Maxwell "si è semplicemente inserita dietro di lui in una foto per la quale stava posando a sua insaputa".

Lo stesso Musk ha rilasciato un commento simile dopo che l'immagine è riemersa, dichiarando giovedì scorso che la Maxwell si è inserita nella foto a sua insaputa. 

Sia la Riley sia Musk hanno raccontato di essere stati brevemente nell'attico newyorchese di Epstein, incluso in "una serie di appuntamenti", come ha affermato la Riley.

Ecco come Musk ha raccontato a "Vanity Fair" la loro visita a Epstein a luglio dell'anno scorso:

"Sono stato a casa sua a Manhattan per circa 30 minuti a metà pomeriggio con Talulah, poiché era curiosa di incontrare questa strana persona per un romanzo che stava scrivendo. Non abbiamo visto nulla di inappropriato, a parte strane opere d'arte. Ha provato ripetutamente a invitarmi sulla sua isola. Ho rifiutato". 

A proposito di Musk e "Vanity Fair", l'imprenditore sudafricano, in un tweet condiviso anche dalla Riley, ha spostato il focus delle accuse da lui alla rivista.

"Ero a quella festa di "Vanity Fair" con @TalulahRiley. Non conosco Ghislaine. La vera domanda è: perché 'Vanity Fair' l'ha invitata?", si legge nel tweet.

Secondo quanto riferito, più di 20 agenti armati e poliziotti hanno preso parte a una retata mattutina che ha portato all'arresto della presunta "magnaccia" di Epstein, Ghislaine Maxwell, nella sua proprietà di 156 acri nel New Hampshire.

Un atto di accusa afferma che la Maxwell abbia "aiutato Epstein a reclutare, adescare e infine abusare" di ragazze di appena 14 anni. Si dice anche che abbia partecipato all'abuso sessuale lei stessa, accusa che se fosse confermata le varrebbe una condanna a 35 anni di prigione.

L'arresto della Maxwell ha portato di nuovo sotto i riflettori la vicenda di Epstein, che aveva già coinvolto finanche il Principe Andrew d'Inghilterra

Oltre a far finire un'altra volta nel gossip, stavolta in un modo decisamente più sgradevole, Elon Musk, che ha in precedenza negato un rapporto a tre con Amber Heard e Cara Delevigne. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook