19:46 13 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
12310
Seguici su

Il rovesciamento del monumento è in linea con una serie di atti di vandalismo in corso contro le statue di figure storiche da parte di un massiccio movimento violento contro l'ingiustizia razziale negli Stati Uniti.

Un monumento a Cristoforo Colombo è stato rovesciato da un gruppo di manifestanti nel quartiere Little Italy di Baltimora, nello stato americano del Maryland, la sera del 4 luglio. Il gruppo ha usato delle corde per abbattere la statua prima di gettarla nel porto interno di Baltimora.

Il video dell'incidente, condiviso sui social media, ha rivelato un gruppo di violenti manifestanti che urlavano mentre rimuovevano il monumento dalla sua base usando delle corde.

La statua in marmo, uno dei tre monumenti di Colombo a Baltimora, fu dedicata nel 1984, in onore dell'eredità dell'esploratore italiano del XV secolo, che giunse nelle Americhe con una spedizione spagnola per scoprire una via alternativa per le Indie.

Mentre il movimento nazionale contro l'ingiustizia razziale e la brutalità della polizia guadagna terreno negli Stati Uniti, l'eredità di Colombo ha portato la figura ora a essere denunciata per la sua presunta "schiavitù" dei popoli nativi nella regione.

La statua che cade a Baltimora fa eco a una serie di atti violenti contro altri monumenti storici, come la deturpazione di una statua di George Washington a Manhattan e l'abbattimento di una statua di Thomas Jefferson, accanto a quella di molti leader confederati.

Tra le proteste in corso, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo che prevede una pena detentiva fino a dieci anni per coloro che sono stati giudicati colpevoli di violenza e atti vandalici nei confronti delle statue.

Video

Correlati:

UFO enorme nei cieli di Baltimora in pieno giorno - Video
Baltimora: incriminati i sei agenti coinvolti nell’omicidio Gray
Razzismo su Facebook, alcuni brand rimuovono pubblicità in segno di protesta
Tags:
Monumento
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook