19:42 13 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
11228
Seguici su

In seguito all'ordine del giudice federale James Boasberg, le autorità statunitensi si impossesseranno del carburante iraniano, oltre 1 milione di barili di carburante inviato al Venezuela.

Il giudice federale James Boasberg ha emesso un ordine di sequestro per 4 navi cisterna iraniane, dalla capacità di 1,1 milioni di tonnellate di barili che stanno trasportando carburante in Venezuela. Lo ha comunicato il Dipartimento di Giustizia statunitense. 

Secondo la corte federale la transizione favorirebbe la Guardia Rivoluzionaria iraniana, inserita dalla Casa Bianca nella lista delle organizzazioni terroristiche. 

"I profitti della vendita del petrolio sosterranno tutta la gamma di attività nefaste dei Guardiani della Rivoluzione, come la proliferazione di armi di distruzione di massa e delle sue forme di consegna, l'appoggio al terrorismo e ai vari abusi dei diritti umani, nel Paese e all'estero", ha dichiarato il Dipartimento di Giustizia in un comunicato. 

In seguito alla decisione del giudice, la guardia costiera statunitense potrà fermare le 4 petroliere, Bella, Bering, Pandi e Luna, e confiscare il carico di carburante, che ricadrà sotto la giurisdizione della corte federale del distretto di Columbia. Non sono state però definite dal tribunale le modalità di cattura e di confisca. 

Il provvedimento segue le sanzioni imposte sui capitani delle 5 navi componenti la prima flotilla, Clavel, Petunia, Fortune, Forest e Faxon, che a fine maggio hanno consegnato il primo carico di carburante dall'Iran al Venezuela. 

Tags:
Venezuela, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook