09:24 23 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
181
Seguici su

Sin dall'inizio della guerra in Libia i siti petroliferi sono passati continuamente di mano dalle forze del GNA di Fayez al-Sarraj a quelle dell'LNA di Khalifa Haftar.

Le tribù libiche hanno trasferito il controllo sui siti petroliferi e i porti di raffinazione al parlamento di Tobruk e all'Esercito Nazionale Libico (LNA) guidato dal maresciallo Khalifa Haftar.

A riferirlo a Sputnik è il vicepresidente del Consiglio supremo degli sceicchi, che appoggia il LNA, e anziano rappresentante delle tribù as-Senussi al-Khaliq:

"Lunedì abbiamo trasferito il controllo dei pozzi petroliferi e dei porti sotto la responsabilità del parlamento (presieduto da Aguila Saleh, ndr).

Al-Khaliq ha quindi ricordato che le tribù hanno tenuto fermi i lavori in questi siti per prevenire il loro sfruttamento ai fini del finanziamento "del terrorismo e dei gruppi armati, quando le risorse libiche vengono spese per le armi e per assoldare dei mercenari che uccidono i libici".

Il presidente del Consiglio supremo degli sceicchi ha quindi ricordato che il controllo dei siti petroliferi viene trasferito all'LNA a condizione che vengano rispettate le richieste delle tribù e che in caso contrario si procederà ad un nuovo blocco.

In questo senso, al-Khaliq ha presentato cinque condizioni:

  • l'apertura di un conto bancario per il trasferimento di introiti petroliferi e che sarà controllato da un fondo sovrano senza la partecipazione della Compagnia petrolifera nazionale libica (NOS) e della Banca Centrale Libica
  • una giusta redistribuzione degli introiti tra le tre regioni della Libia, la Tripolitania, la Cirenaica e Fezzan
  • il cambio al vertice del consiglio direttivo del NOS e della Banca Centrale a Tripoli
  • la cessazione delle ostilità
  • la formazione di un nuovo governo
Khalifa Haftar e Faez al-Serraj
© AP Photo / Etienne Laurent

Le tribù libiche

Le tribù libiche sono una delle tre maggiori forze politiche del Paese insieme al governo occidentale di Tripoli e a quello orientale di Tobruk/Bengazi. Esse sostengono il maresciallo Khalifa Haftar, comandante in capo dell'LNA.

I maggiori siti petroliferi libici passano continuamente di mano dalle forze di Tripoli a quelle di Haftar.

Lunedì il presidente al-Khaliq aveva riferito a Sputnik che l'LNA e le tribù avevano posto sotto controllo i siti petroliferi e i porti situati nella parte orientale e sudoccidentale del Paese.

Il controllo dei siti petroliferi

Lo scorso venerdì il capo ufficio stampa della Guardia di difesa dei siti petroliferi Ibrahim al-Faidi aveva reso noto che le forze dell'LNA, coadiuvate dall'aviazione, avevano dato il via alla cosiddetta "mezzaluna petrolifera", con delle pattuglie concentrate nelle zone petrolifere situate sulle coste libiche e nella parte orientale del Paese da Tobruk a As Sadr.

Lo scopo di tali pattuglie è quello di garantire la sicurezza dei siti petroliferi dagli attacchi dei gruppi armati. Al-Faidi ha quindi sottolineato che tali operazioni non interferiranno in alcun modo nel lavoro delle compagnie impegnate nei lavori di estrazione e raffinazione petrolifera.

LA GUERRA IN LIBIA

Dopo il rovesciamento e l'assassinio del leader libico Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia ha praticamente smesso di funzionare come un singolo stato. Ora nel paese ci sono due governi: il parlamento eletto dal popolo si trova a est e a ovest, nella capitale Tripoli, il Governo di Accordo Nazionale, formato con il sostegno delle Nazioni Unite e dell'Unione europea.

Le autorità della parte orientale del paese operano indipendentemente da Tripoli e cooperano con l'esercito del maresciallo Khalifa Haftar.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook