22:50 12 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
306
Seguici su

Per Anthony Fauci la nuova influenza suina, denominata G4, deve essere tenuta d'occhio per evitare l'impreparazione che ha caratterizzato la gestione della prima fase pandemica del Covid-19.

Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale americano di allergie e malattie infettive, ha messo in guardia gli Stati Uniti circa la necessità di mantenere gli occhi aperti sulla nuova influenza suina cinese, al fine di evitare scenari simili a quelli verificatisi al momento dello scoppio della pandemia di Covid-19.

Il massimo infettivologo americano ha riferito che la nuova influenza, conosciuta come G4 EA H1N1 ha tutto il potenziale per trasformarsi a sua volta in una pericolosa pandemia.

Parlando nel corso di un'interpellanza al Senato, Fauci ha osservato che al momento attuale non è ancora stata provata la possibilità di una trasmissione da uomo a uomo del virus, il quale però ha mostrato finora di poterne potenzialmente avere le capacità in caso di mutazioni, fattore quest'ultimo che potrebbe renderlo simile all'influenza suina del 2009.

"Si tratta di un qualcosa ancora in fase di esaminazione. Non è ancora un qualcosa definibile come una minaccia immediata, ma è certamente da tenere d'occhio come abbiamo fatto nel 2009 nel caso dell'emergenza legata alla suina del 2009", sono state le parole pronunciate da Fauci al Senato.

La nuova influenza suina cinese

Nelle scorse ore ricercatori cinesi hanno annunciato di aver scoperto un nuovo ceppo d'influenza suina che gli scienziati temono possa scatenare una nuova pandemia. Il virus di questa nuova influenza, soprannominato G4 EA H1N1, discende geneticamente da A/H1N1, che ha causato la pandemia d'influenza suina del 2009.

Uno studio di 7 anni, pubblicato negli Atti della National Academy of Sciences lunedì, ha identificato il ceppo G4 nei suini, gli ospiti intermedi per i virus dell'influenza. Gli scienziati affermano che i suini sono sempre più infettati dal virus dal 2016.

Quando in un maiale si trovano diversi ceppi d'influenza, questo diventa una sorta di contenitore di miscelazione per virus, che può scambiare e sostituire il materiale genetico in un processo noto come riassortimento, portando alla creazione di un nuovo virus, come potrebbe essere successo nel caso del G4.

L'Organizzazione mondiale della sanità ha reso nota la propria intenzione di studiare attentamente la pubblicazione degli scienziati cinesi sull'identificazione di un nuovo tipo di influenza suina, prima che ci siano casi di trasmissione di un tale virus dagli animali agli umani in Asia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook