21:29 12 Luglio 2020
Mondo
URL abbreviato
La morte di George Floyd (82)
492
Seguici su

Una coppia di un quartiere ricco della città di Saint Louis ha attirato l'attenzione dei media uscendo armata nel suo giardino. Mark McCloskey imbracciava un fucile mentre sua moglie, Patricia McCloskey, era armata di un revolver. Così i due hanno cercato di disperdere i partecipanti a una manifestazione che stava attraversando il loro territorio.

Il ricco quartiere del Central West End di St. Luis è stato teatro di una situazione ad alta tensione.

Un gruppo di manifestanti stava passando davanti alla casa dei coniugi McCloskey per poi, improvvisamente, addentrarsi nel nucleo residenziale in cui vive la controversa coppia.

I due residenti non hanno esitato a estrarre le armi. I manifestanti stavano marciando verso la casa del sindaco della città, Lyda Krewson, per chiederne le dimissioni.

In precedenza la politica aveva infatti rivelato nomi, indirizzi e altre informazioni riguardo alcuni abitanti che avevano proposto una riduzione dei finanziamenti per il dipartimento di polizia.

Le immagini diffuse dai media mostrano la coppia indicando la folla vicino alla propria residenza, un palazzo rinascimentale che apparteneva a Edward e Anna Busch nei primi anni del 1900.

La situazione che Mark e Patricia provocano assume connotati un po' surreali quando entrambi prendono la mira con il fucile di tipo AR-15 e il revolver, apparentemente senza nemmeno accorgersene.

I protagonisti di questa storia sono avvocati specializzati in lesioni personali e proprietari del McCloskey Law Center, una società che gestiscono dalla loro stessa casa.

In effetti, il signor McCloskey rappresenta in un caso una vittima di violenza della polizia, documentata da un video che mostra l'attacco di un ufficiale e i suoi danni nonostante questa si fosse già arresa.

In alcuni dei video condivisi sulle rete, si può vedere la signora McCloskey indicare una manifestante che indossa una maglietta che dice "Mani in alto, non sparate!".

Patricia si vede anche avvicinarsi ai manifestanti, mentre alcuni discutono con lei e si rifiutano di andarsene.

L'avvocato dell'Università di St. Luis John Amman ha dichiarato all'emittente locale KSDK che questo atteggiamento potrebbe essere considerato aggressivo, poiché con le loro armi la coppia potrebbe aver fatto sentire i manifestanti non protetti.

L'uso di armi per autodifesa implica una minaccia che, in questo caso, i McCloskey non potevano avvertire, dal momento che i dimostranti stavano solamente sfilando di fronte alla loro casa. 

Tema:
La morte di George Floyd (82)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook