20:34 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 22
Seguici su

Diverse influencer sono state recentemente prese di mira dalle autorità egiziane per promuovere la "prostituzione" sui social network. Ora affrontano una vera pena detentiva per il loro presunto comportamento amorale.

L''importante attrice e danzatrice del ventre egiziana Sama el-Masry è stata condannata a 3 anni di prigione nel fine settimana per aver incitato "dissolutezza" e "immoralità" sui social network per video e foto pubblicati sui suoi account, secondo quanto riportato da Egypt Today. Secondo il pubblico ministero, el-Masry pubblicava contenuti "sessualmente aggressivi" che violavano i valori e i principi familiari della società egiziana. La ballerina 42enne è stata inoltre multata di 300mila sterline egiziane (18.500 $).

El-Masry è stata arrestata ad aprile nel mezzo di un'indagine su video e foto condivisi sui social, come TikTok. Secondo la Procura Generale, citata da Egypt Today, aveva ricevuto una serie di denunce da parte di cittadini per i post della danzatrice.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da سما المصري (@samaelmasrii) in data:

Tuttavia, la ballerina ha negato di essere colpevole, sostenendo che il contenuto è stato preso e condiviso da un telefono rubato l'estate scorsa. El-Masry ha affermato che sono stati i Fratelli Musulmani a denunciarla alle autorità per le sue opinioni politiche, dal momento che in precedenza aveva deriso pubblicamente il movimento islamista durante la presidenza di Mohamed Morsi nel 2012.

Il deputato egiziano John Talaat, che ha chiesto un'azione legale contro la ballerina, ha affermato citato dalla Reuters che "c'è un'enorme differenza tra libertà e dissolutezza". Ha anche insistito sul fatto che altri influencer di TikTok e Instagram, che sono state recentemente accusate di promuovere la "prostituzione" e la "dissolutezza" sui social sono state arrestate in Egitto e presto verranno condannate.

Nel 2018 il presidente egiziano Abdel Fattah Al-Sisi ha ratificato una serie di leggi relative alla supervisione dei social da parte del governo.

Tags:
Giustizia, Donna, Società, Egitto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook