19:22 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2011
Seguici su

Le nuove accuse metterebbero in relazione Julian Assange e WikiLeaks con il gruppo di hacker Anonymous.

Il Grand jury federale degli Stati Uniti ha reso noto un nuovo dettaglio dei capi d'accusa per il quale viene inquisito il co-fondatore di WikiLeaks Julian Assange.

Per la giuria, tale circostanza permetterebbe di comprendere appieno le motivazioni che avrebbero spinto Assange a violare dati altamente sensibili.

I documenti di accusa dimostrerebbero inoltre che Assange e altri membri di WikiLeaks avrebbero assoldato hacker appartenenti ad Anonymous per trafugare dei dati in favore della stessa Wikileaks.

Viene inoltre fatto notare che Assange avrebbe attivamente incoraggiato altri hackers a fare breccia all'interno di banche dati altamente classificate, creando addirittura quella che viene definita una lista dei leaks maggiormente richiesti.

Tale sarebbe stato anche il modus operandi adoperato dall'ex analista militare Chelsea Manning, che avrebbe trovato i documenti riservati poi pubblicati tramite WikiLeaks proprio dopo che quest'ultima gliene aveva commissionato la ricerca.

Nelle carte sarebbe inoltre anche contenuta una fitta rete di comunicazioni tra WikiLeaks e un gruppo di hacker affiliati ad Anonymous, i quali si sarebbero resi protagonisti di attacchi DDoS (Distributed denial of service) e di furto di documenti in seguito pubblicati da WikiLeaks.

Il caso Assange

Il fondatore di Wikileaks è rimasto per sette anni rifugiato dentro l'ambasciata di Londra dell'Ecuador, da cui riceveva protezione. Lo scorso anno l'Ecuador ha negato la tutela ad Assange, che è stato preso in consegna dalle autorità inglesi, in attesa di un processo

La sua cattura ha scosso l'opinione pubblica, per cui l'arresto di Assange è un crimine contro la libertà di espressione e di stampa, nonché una violazione dei diritti umani. Sono numerose le manifestazioni a sostegno della liberazione di Julian Assange in tutto il mondo.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook