04:21 29 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
115
Seguici su

Il bus è stato prelevato come parte di una esercitazione e per questo non ha previsto costi aggiuntivi.

Un autobus sperduto in un’area inospitale e selvaggia dell’Alaska, simbolo di avventura, libertà e di sfida alle regole sociali oltre che alla natura. Tutto questo ha rappresentato per quasi 30 anni il Magic Bus portato lì da Christopher McCandless, un ragazzo di 24 anni che aveva deciso di vivere nella natura selvaggia dell’Alaska cibandosi di quel che la natura aveva da offrirgli.

Il suo corpo fu ritrovato privo di vita e da quella incredibile storia ne nacque un libro e un film, ‘Into the Wild’. Il film fu diretto da Sean Penn con colonna sonora di Eddie Vedder.

Un bus magico e maledetto però, che ha causato negli anni la morte di donne e uomini avventurieri attratti dal fascino di quell’impresa solitaria e mortale.

Ora il commissario per le risorse naturali dell’Alaska Corri Feige, con il supporto di un elicottero della Guardia Nazionale ha fatto rimuovere l’autobus nella speranza di azzerare le spedizioni di giovani che da ogni parte del mondo tentavano la pericolosa impresa.

Il bus è stato prelevato come parte di una esercitazione e per questo non ha previsto costi aggiuntivi, ma ora non è stato deciso se dovrà essere portato in un centro demolizioni o collocato in un museo perché possa essere raggiunto dai fan di ‘Into the Wild’.

Video della rimozione del Magic Bus in Alaska

Troppe morti e soccorsi

Sperduto nella foresta a 382 chilometri dalla più vicina cittadina, Anchorage, il Magic bus si trovava lungo il sentiero Stampede, in un luogo dove non prendono i cellulari e dove essere soccorsi richiede uno sforzo intenso.

In quelle terre estreme escursionisti spesso improvvisati vi hanno perso la vita annegati nel fiume Teklanka o dispersi lungo i sentieri che si intersecano con lo Stampede.

Nel 2010 vi morì una giovane donna Svizzera di 29 anni, lo scorso anno una donna bielorussa è annegata nel fiume e il 25 febbraio scorso sono stati recuperati 5 escursionisti italiani, di cui uno con i piedi congelati. A salvarli il dispositivo satellitare che avevano con loro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook