02:37 14 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (104)
0 21
Seguici su

A partire dal prossimo 15 giugno la Commissione Europea raccomanda agli Stati membri di riprendere a pieno le disposizioni di Schengen, riaprendo le frontiere interne senza effettuare più controlli, mentre con i Paesi extra-Ue è stata proposta una riapertura limitata e coordinata a partire dal 1° luglio.

Bruxelles ha deciso di raccomandare ai Paesi membri dell'Unione Europea e agli Stati legati all'area Schengen di rimuovere i controlli ai confini interni entro il 15 giugno, mentre è stato chiesto di prorogare le restrizioni alle frontiere esterne fino al 30 giugno.

A partire invece dal 1° luglio le autorità europee hanno proposto una riapertura parziale, graduale e coordinata delle frontiere esterne con alcuni Paesi extra-Ue scelti dai Paesi membri tenendo conto della situazione epidemiologica, della possibilità di applicare le misure di contenimento e della reciprocità. La riapertura dovrà essere prudente e opportunamente concordata dal momento che la situazione di Covid-19 non è eterogenea.

​"Dal momento che la situazione sanitaria in alcuni Paesi terzi resta critica, la Commissione non propone una fine generale delle restrizioni di viaggio in questa fase", fa sapere in una nota la commissaria per gli affari interni Ylva Johansson.

In particolare per Bruxelles "le limitazioni dovrebbero rimanere in vigore per i Paesi la cui situazione sanitaria è peggiore che nella Ue".

Infine la Commissione ha raccomandato di estendere le categorie di cittadini di Paesi terzi a cui non si applicano le restrizioni di viaggio, in particolare studenti e lavoratori altamente qualificati, precisando allo stesso tempo che per i cittadini della Ue ed i residenti nello spazio economico europeo comune, nonché ai loro familiari, non si applica alcun tipo di restrizione. 

Tema:
Coronavirus in Italia: riaprono i confini con l'Ue (104)
Tags:
Società, Coronavirus, Schengen, Unione Europea
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook